domenica 5 luglio 2020

Fette biscottate semintegrali facilissime e ultra friabili


In estate mi piace fare una colazione più semplice del solito... anche perchè amo passeggiare la mattina presto sul lungomare, quindi una colazione leggera ma energetica è quello che ci vuole.
Non potevo quindi non cimentarmi nel trovare una ricetta soddisfacente per fare le Fette Biscottate.
In realtà le avevo più volte fatte, ma non mi soddisfacevano completamente, non tanto per il gusto, quanto per la croccantezza... non risultavano friabili come quelle glutinose.
Poi ho avuto un'intuizione che si è rivelata vincente e così sono venute fuori le migliori fette biscottate che abbia mai mangiato: croccanti, friabili , spesse come piace a me e soprattutto che rimangono croccanti per molti giorni.. o meglio, fino a quando non le ho finite (circa 1 settimana).
Accompagnate alla confettura di albicocche e rhum fatta pochi giorni prima non mi hanno fatto rimpangere la colazione invernale con cappuccino e brioches o crostata.
Se non ami l'integrale nelle note ci sono i consigli per la versione bianca.
Quasi dimenticavo... anche la versione pan carrè è degna di nota: sofficissima! Guarda il video in cui lo affetto!
Buona colazione.



Ingredienti:

150g di farina Nutrifree Integrale
150g di farina MixB Schaer
40g di lievito madre( o 4g di lievito di birra fresco o 1,5 secco)
280g di acqua
un cucchiaino di sale
30 g di strutto
farina di riso per il piano di lavoro

per 12-14 fette

  • Metti le farine in una ciotola, miscela bene, fai un buco al centro e versaci piano piano l'acqua nella quale avrai fatto sciogliere il lievito madre (o il lievito di birra), mescolando con una forchetta.
  • Quando tutta l'acqua sarà ben assorbita unisci il sale e per ultimo lo strutto.
  • Impasta fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti e ottenere un panetto morbido, elastico e non appiccicoso.
  • Spolvera il piano di lavoro con farina di riso e stendi il panetto fino a formare un rettangolo lungo circa 16cm.
  • Arrotolalo su se stesso per formare una sorta di salsicciotto con la chiusura verso sotto.
  • Poni l'impasto in uno stampo da plumcake rivestito di carta da forno, copri con pellicola e metti a lievitare fino al raddoppio in forno spento, dopo averlo portato a 50°(il mio impasto è raddoppiato dopo 4 ore).
  • Spennella la superficie con del latte e inforna a 200° per circa 30-35 minuti.
  • Estrai il pan carrè, liberalo dalla carta da fono laterale e lascialo raffreddare su una gratella.
  • Fai raffreddare completamente quindi affettalo ricavando delle fette spesse un dito.


  • Disponi le fette su una teglia foderata di carta forno e inforna a 160° con funzione ventilata per altri 20-25 minuti, avendo cura di girare le fette dopo i primi 15 minuti. (in questa fase è consigliabile controllare a vista affinchè non si colorino troppo).
  • Per conservare le fette  al meglio ti consiglio di chiuderle in un sacchetto di cellophane per alimenti, di quelli per il freezer o in una scatola: si manterranno croccanti e friabili per una settimana.
NOTE: se non ami l'integrale puoi utilizzare 300g di sola farina MixB Schaer, aumentando l'acqua di 20g. Lo strutto può essere sostituito con pari peso di olio evo.


Share:

lunedì 29 giugno 2020

Freselle semintegrali friabili e croccanti


Con l'arrivo della bella stagione e del caldo panifico 1 volta a settimana, sia perchè solo l'idea di accendere il forno mi fa desistere, sia perchè preferisco mangiare meno carboidrati e cenare con cibi freschi e sbrigativi.
Da anni ormai, quando arriva giugno, il mio pane preferito diventano le Freselle, ciambelle biscottate ideali per accompagnare insalatone di pomodoro e tonno, o capresi, o qualunque altro piatto fresco e veloce. Inoltre,panificando solo una volta a settimana si conservano perfettamente, ben chiuse in una scatola con coperchio ermetico o in una busta per alimenti, e sono sempre pronte all'uso quando non ho voglia di cucinare.
La ricetta di oggi ha un tocco di integrale ma se non lo gradisci potrai usare sola farina bianca. Facendole e rifacendole ho sperimentato un metodo di formatura che trovo molto comodo e veloce perchè non richiede una doppia lievitazione ma un breve riposo mentre il forno arriva a temperatura.
Potrai fare queste Freselle con lievito madre, come ho fatto io, o con lievito di birra se non hai tanto tempo a disposizione... tanto con queste temperature ci vorrà un battibaleno per vederle crescere e lievitare a meraviglia!
A presto!




Ingredienti:
150g di Mix B Schaer + 150g di farina Nutrifree Integrale (oppure 250g di MixB e 50g di farina di grano saraceno o anche 300g di Mix B se non amate l'integrale)
45g di lievito madre appena rinfrescato (o 4g di lievito di birra fresco o 1,5 secco)
una manciata di semi per panificazione (opzionale)
280g di acqua
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaio d'olio EVO

per 14 freselle medie
  • Metti le farine in una ciotola, miscela bene, fai un buco al centro e versaci piano piano l'acqua nella quale avrai fatto sciogliere il lievito madre (o il lievito di birra), mescolando con una forchetta.
  • Quando l'acqua sarà ben assorbita unisci i semi, il sale e l'olio e continua a impastare con la forchetta.
  • Sporcati le mani di olio e lavora brevemente l'impasto, dandogli una forma rotonda.
  • Copri la ciotola con pellicola e fai lievitare fino al raddoppio. (con il mio lievito madre ci sono volute circa 4 ore, con il LdB ne basteranno 2-2,30)
  • Cospargi il piano di lavoro con della farina di riso e con un tarocco ricava delle strisce di impasto che chiuderai a ciambella: compi questo passaggio con delicatezza cercando di non manipolarlo troppo per non compromettere la lievitazione.
  • Metti le ciambelle su una teglia rivestita di carta da forno.
  • Accendi il forno e portalo alla temperatura di 200°. Appena la luce del termostato si spegnerà inforna le freselle,vaporizzando un po' d'acqua sulle pareti del forno.
  • Fai cuocere per 20-25 minuti, quindi sforna le ciambelle e lasciale raffreddare completamente.
  • Taglia ogni ciambella in due e disponile sulla teglia con il taglio verso l'alto.
  • Inforna nuovamente a 180° ventilato per almeno 25-30 minuti (i tempi sono indicativi, dipende dal forno...).
  • Conserva le freselle in una scatola con tappo ermetico o in una busta per alimenti ben chiusa.


Share:

giovedì 25 giugno 2020

Burger di Lenticchie con salsa Guacamole


Sempre per la serie "Mangiamo sano" dopo avere fatto l'insalata di lenticchie e l'insalata di cannellini  (che trovi nel mio canale cliccando qui) ho cercato qualche altro modo di consumare i legumi anche d'estate, evitando le solite zuppe calde. Ne sono venuti fuori questi Burger vegetariani, gustosi e sfiziosi.
Un modo diverso di mangiare i legumi che ci dà l'illusione di mangiare qualcos'altro, ancor di più se lo infiliamo tra due fette di pane farcite con salse e lattuga.
Per accompagnare questi Burger di Lenticchie ho abbinato la salsa Guacamole, che adoro: molto meglio di una semplice maionese e soprattutto più sana, ricca dei grassi buoni dell'avocado e insaporita dalla dolcezza delle cipolle di Tropea, dal piccante del peperoncino e dall'aspro del succo di limone. Dulcis in fundo... io ci metto anche mezzo pomodoro non troppo maturo: un'esplosione per le papille gustative!
Buon appetito!



Ingredienti:

per 4 burger
  • 250g di lenticchie già cotte
  • 1 albume
  • semi di sesamo
  • una falda di peperone
  • mezza cipolla di Tropea piccolina
  • sale

per la salsa Guacamole
  • un avocado maturo
  • succo di mezzo limone
  • mezza cipolla di Tropea piccolina
  • mezzo pomodoro
  • peperoncino q.b.
  • sale q.b.

  1. Fai la salsa: sbuccia l'avocado, se è maturo al punto giusto la buccia viene via da sola.
  2. Taglialo a cubetti e unisci il succo di limone, sale, il peperoncino, la cipolla e il pomodoro tagliato a cubetti. Frulla tutto per 1 minuto e conserva in frigo coperto con pellicola.
  3. Per i burger: Unisci alla lenticchia il peperone tagliato a pezzetti e la cipolla e frulla grossolanamente.
  4. Unisci l'albume, i semi di sesamo e il sale e impasta il tutto.
  5. Con le mani inumidite dai la forma ai burger.
  6. Metti i burger in frigo per mezz'ora.
  7. Cuoci su una piastra su cui avrai appoggiato un foglio di carta da forno leggermente unto d'olio.
  8. Servi con la salsa Guacamole.

Share:

martedì 23 giugno 2020

Torta sofficissima cocco e ciliegie

E' stato un anno scolastico strano. Molto strano.
E non lo dico solo da prof ma anche da madre di tre ragazzi (due liceali e un universitario).
Vi lascio solo immaginare la mattina a casa mia... 4 connessioni in contemporanea....
Pc... Tablet... Notebook... Cellulare... mancava solo che ci connettessimo con la scopa elettrica.
E anche questo è passato.
Ieri mia figlia maggiore ha affrontato l'esame di maturità. Questa "strana" maturità in tempi di Covid, questa "semplice"maturità (come è stata definita da qualcuno) senza gli scritti: mascherina, distanze, igienizzante a go-go, autocertificazione...
Tutto si è svolto con grande professionalità...: i collaboratori che misuravano la temperatura, la sala d'aspetto per non creare assembramenti tra chi usciva e chi entrava... una rappresentante della Croce Rossa che vigilava... 
In aula, anzi aulona, i prof sembravano tante isole disperse in quel mare di spazio.
Mentre relazionava vedevo mia figlia cercare i loro visi, i loro sguardi...
La cosa che più è mancata infatti in questo esame così particolare sono stati i visi, le espressioni, lo sguardo accogliente di chi ti ha vista crescere per 5 anni della tua vita scolastica e che si trova lì non per giudicarti ma piuttosto per spingere l'altalena che  farà volare in alto i  tuoi sogni.
E' mancata quella stretta di mano finale, quell'abbraccio affettuoso, quel saluto familiare che ti accompagnerà per la tua vita futura.
E' mancato quel tuffo nel mare dei compagni di classe che ti aspettano fuori dall'aula per bombardarti di domande.
E' mancato "elaborare l'esame", elaborare la fine di un ciclo della vita che come tutte le cose che giungono al termine hanno bisogno di quei piccoli riti, di quei gesti che mettono il punto e basta.
Formalmente è mancato tutto questo... ma l'affetto, il rispetto, il calore, si sa, trovano sempre una strada... anche e soprattutto quando meno ce lo aspettiamo: è quella rughetta che fuoriesce dalla mascherina, lì accanto agli occhi, quando essa cela un sorriso di soddisfazione e di orgoglio...  è il messaggio inviato dalla prof "severa" che ti augura un futuro radioso dicendoti che Lei per te ci sarà sempre se avrai bisogno ... è l'emozione che a malapena riesce a farti parlare mentre nella tua testa si agita un turbinìo di pensieri.
Decisamente no... questa "strana" maturità in tempi di Covid, "semplice" non lo è stata affatto.


Ingredienti:
  • 2 vasetti di farina di riso
  • 1 vasetto di farina di cocco
  • mezzo vasetto di fecola di patate
  • mezzo vasetto di olio di semi di girasole
  • 3 uova
  • mezzabustina di lievito per dolci
  • 1 vasetto e mezzo di zucchero
  • 150g di yogurt greco
  • 150g di ciliegie denocciolate
Tutti gli ingredienti vanno dosati con un vasetto dello yogurt vuoto da 125g o con un dosatore da  1/2 cup.

Per il procedimento guarda la videoricetta











Share:

mercoledì 17 giugno 2020

Coppa al mango light


Quante volte abbiamo voglia di un dessert senza sentirci in colpa? Io tutti i giorni essendo una golosa impenitente.
Quella di oggi non è una vera e propria ricetta... è più un'idea per appagare la nostra vista mangiando qualcosa di bello e invitante che in realtà è un dessert light, ricco di proteine e vitamine e pochissimi grassi.
Sostituendo la panna con lo yogurt, i biscotti o il pan di spagna con dei semplici fiocchi di cereali integrali, lo zucchero con il miele è venuto fuori un dessert delizioso che non ci farà rimpiangere minimamente una merenda ipercalorica.
E poi è anche bellissimo... perchè prima di tutto il cibo va gustato con gli occhi!


Ingredienti:
1 mango
1 vasetto di yogurt greco
1 cucchiaio di miele
2 cucchiai di cereali integrali

per 2 coppe

  • Sbuccia il mango e tagliane  metà a dadini e metà a fettine sottili
  • In un padellino versa il mango a dadini con il miele e un cucchiaino d'acqua e fallo cuocere a fuoco dolce fino a che non si sarà ammorbidito un po' (circa 4-5 minuti)
  • Sbriciola i fiocchi di cereali grossolanamente e versali sul fondo di due coppe
  • Lavora lo yogurt greco con lo sciroppo che si sarà formato dalla cottura del mango.
  • Versa un cucchiaio abbondante di yogurt sui cereali di ciascuna coppa, fai uno strato di cubetti di mango e un secondo strato di yogurt.
  • Completa il dessert sistemando le fettine di mango messe da parte a formare una rosa.
  • Spennella la sommità delle fettine con lo sciroppo rimasto per dare lucentezza.
  • Servi subito o cmq entro mezz'ora (riponi in frigo nel caso) perchè altromenti i cereali si potrebbero ammorbidire troppo perdendo la croccantezza.



Share:

lunedì 15 giugno 2020

Dolce alle albicocche senza burro nè olio


La stagione estiva è ricca di frutta golosa e colorata, vera protagonista della nostra tavola. E'ovvio quindi che quei colori e sapori non mi lascino indifferente... Una delle torte più belle e buone da fare in questo periodo è la torta di albicocche. Ci  sono tantissime ricette in giro... una in particolare tratta da libro Stagioni di Donna Hay mi aveva catturata  dalla prima occhiata alla foto. Purtroppo però nella ricetta c'è troppo burro... troppo per me che sto cercando di mangiare un po' più sano, dopo la quarantena. Così ho deciso di accantonarla... la ricetta non l'idea. E ne ho fatta una a misura di quello che mi serve: senza grassi aggiunti, poco zucchero e con un tocco di integrale.
Questa è la ricetta che ne è venuta fuori: tagliata a quadrotti è la porzione ideale per colazione o merenda, senza sentirsi in colpa e con tante vitamine e il sapore acidulo di questi frutti crea un delizioso contrasto con la base dolciastra.
Se vi piacciono le albicocche vi invito a dare un'occhiata anche a queste Mini Tortine senza zucchero e senza uova  o a questi Muffins o ancora a questi mini  Cobbler ai frutti gialli.

A presto!



Ingredienti: (tutti gli ingredienti vanno misurati utilizzando un vasetto di yogurt vuoto da 125g, tranne lo yogurt greco)

1 vasetto e mezzo di farina di riso finissima
mezzo vasetto di fecola di patate
mezzo vasetto di farina di grano saraceno
mezza bustina di lievito per dolci
1 vasetto di zucchero di canna
150g  di yogurt greco
3 uova
6 albicocche

per uno stampo rettangolare 20x25

  • Mescola in una ciotola le farine con la fecola e il lievito.
  • In una ciotola monta le uova con lo zucchero, anche con una frusta a mano.
  • Unisci lo yogurt e continua a mescolare.
  • Versa il mix di farine e mescola tutto  fino a quando otterrai un composto ben amalgamato.
  • Versa il composto in uno stampo rettangolare foderato di carta da forno.
  • Taglia le albicocche a metà e liberale dal nocciolo.
  • Sistema le albicocche sull'impasto con il taglio rivolto verso l'alto.
  • Inforna a 180° per circa 20-25 minuti. Prima di sfornare fai la prova stecchino.


Share:

sabato 13 giugno 2020

Lemon Cheesecake senza gelatina

Dopo un lungo inverno di forni accesi anche il mio chiede di riposarsi ogni tanto.
Via libera dunque ai dolci senza cottura, freschi e colorati, che caratterizzano le tavole estive.
Complice anche la frutta della stagione calda, così succosa e invitante, questo è il momento giusto per dedicarci alla preparazione di dolci poco impegnativi, che non richiedano lunghi tempi di preparazione e soprattutto che siano freschi.
Nel blog trovate un'intera sezione dedicata a gelati e semifreddi, grandi protagonisti delle giornate di caldo intenso, ma non sono gli unici protagonisti: Tiramisù rielaborati, Mattonelle, creme golose, mousse, panna cotta, budini, Charlotte... insomma c'è l'imbarazzo della scelta. Compreso il mio dolce freddo preferito, mio e di mio figlio..., la Cheesecake!
La Cheesecake estiva, senza cottura, riscuote sempre un gran successo e poi è facilissima da fare e da sglutinare, basta sostituire i biscotti che compongono la base. Unico neo, per quanto mi riguarda, la presenza di gelatina o colla di pesce, che personalmente non amo. Cosi ho pensato a come sostituirla in qualche modo senza provocare il crolla della torta dopo la prima fetta. Per le Cheesecake al cacao aiuta molto la presenza nella crema del cioccolato fondente, così partendo da questo dato, volendo fare una cheesecake al limone, ho pensato di usare cioccolato bianco e "rinforzarlo" con dell'amido di mais. Se l'esperimento è riuscito lo potete giudicare da soli. Il gusto è spaziale, ve lo garantisco io!
A presto!

Ingredienti:

160g di biscotti (per me senza glutine)
60g di burro fuso
400g di formaggio da spalmare
200g di panna
100g di cioccolato bianco fuso
1 cucchiaino di amido di mais
succo e scorza di un limone piccolo

per la gelèe al limone (ricetta presa da qui)
60ml di zucchero
60ml di succo di limone filtrato
100ml di acqua
20g di amido di mais
una punta di cucchiaino di curcuma

per uno stampo da 20

  • Il momento più critico nella preparazione della cheesecake è quello in cui, dopo essersi solidificata la devi spostare dallo stampo al piatto. Per ovviare a questo ho deciso di prepararla direttamente nel piatto da portata appoggiandoci sopra semplicemente un anello da pasticceria o quello della tortiera apribile dove la faccio solitamente.
  • Frulla i biscotti fino a ridurli in polvere, mescolali al burro fuso  e versa la poltiglia sul fondo della tortiera (il piatto di cui prima...)
  • Schiaccia bene  i biscotti con un cucchiaio fino ad avere una base liscia che metterai a riposare in frigo per una decina di minuti.
  • Versa il formaggio spalmabile in una ciotola, aggiungi la panna liquida e il cioccolato bianco fuso e intiepidito e monta tutto con un frullino elettrico.
  • Unisci il succo e lascrorza grattugiata di un limone biologico e monta ancora per un minuto.
  • Versa il composto sulla base di biscotti,  livella bene  e metti in frigo.

  • Prepara la gelèe: mescola in un pentolino  la curcuma, l'amido  e lo zucchero.
  • aggiungi l'acqua e il succo di limone e mescola bene.
  • poni sul fuoco dolce, mescolando fino a che non comincerà ad addensarsi.
  • spegni il fuoco e lascia intiepidire, continuando a mescolare.
  • Versa la gelèe sulla base cremosa della cheesecake e rimetti in frigo per almeno 3-4 ore.
  • Se vuoi completare la decorazione come ho fatto io fai cuocere delle fette di limone con un cucchiaino di zucchero per una decina di minuti e disponile sulla torta solo quando si sarà ben solidificata.
  • Prima di estrarre l'anello o aprire la tortiera, passare intorno ai bordi la lama di un coltello per permettere il distacco regolare della torta.
NOTE: la torta non ha zucchero tra gli ingredienti perchè è già dolce per la presenza del cioccolato bianco ma se vuoi puoi aggiungerne un cucchiaio. Per i miei gusti è perfetta senza.
La curcuma serve a dare un colore più deciso alla gelèe, non modifica in alcun modo il gusto. Se non la gradisci può essere sostituita con colorante per dolci in gel.




Share:

martedì 9 giugno 2020

Sandwich Guacamole



Cosa ho fatto con il Pan Carrè pubblicato ieri? E' presto detto....
Qualche giorno fa mentre facevo la spesa dal fruttivendolo l'occhio mi è caduto su una cassetta di frutta accontonata tra i prodotti in offerta perchè troppo maturi. Dentro c'erano degli avocados con la buccia totalmente nera ( cioè  maturi al punto giusto anche se nessuno sembrava saperlo visto che erano ancora lì) e poichè il prezzo era superconveniente me li sono portati via tutti per pochi euro.
Adoro l'avocado... lo mangio a fette così... semplicemente. E' un frutto ricco di proprietà nutrizionali e grassi benefici, è quello che si dice un superfood: potassio, magnesio, zinco, vitamina E, B6, antiossidanti... insomma un toccasana per pelle e capelli.  Inoltre ha un sapore particolarissimo che viene esaltato da certi abbinamenti... come l'acido del limone o del pomodoro... e se ci aggiungiamo anche cipolla e peperoncino, la Guacamole e bell'e pronta! Perchè non metterla in un bel sandwich?
Un sandwich con Guacamole...scomposta!
Per un pranzo veloce e leggero.



Ingrdienti:
4 fette di pane carrè integrale (la ricetta qui)
un quarto di un avocado tagliato a fettine
un pomodoro per insalata
mezza cipolla di Tropea piccolina
sale
succo di mezzo limone
peperoncino in polvere q.b.
  • Affetta l'avocado, la cipolla e il pomodoro.
  • Disponi due fette di pane su un piatto e fai uno strato di avocado; spremici sopra qualche goccia di limone.
  • sistema sull'avocado il pomodoro, qualche anello di cipolla, un pizzico di sale, un pizzico di peperoncino e un filo d'olio.
  • Copri con la seconda fetta , schiaccia bene e...buon appetito!
Share:

lunedì 8 giugno 2020

Pan Carrè semintegrale per sandwich


Dopo il mese di maNgio è arrivato quello di-giuNo... : dopo avere cucinato l'impossibile durante la quarantena ( ho aperto un canale youtube solo per questo...ahah) è ora di trare un po'di tregua al mio forno e soprattutto al mio stomaco cercando di mangiare meno e anche meglio allentando un po' con i carboidrati e soprattutto mangindo alimenti sani o come si dice in gergo... nutriceutici che a dirlo così fa ancora più figo di healthy.
E siccome avevo trovato dal fruttivendolo una cosa nutriceutica che adoro... volendola mangiare a pranzo mi sono fatta questo pan carrè integrale per mettercela dentro e farci un bel sandwich.
Il sandwich ve lo farò vedere domani... intanto cominciate a preparare questo pancarrè sofficissimo, vegano, integrale e super buono. Mi è durato un paio di giorni, l'ho mangiato naturale e anche tostato (per esigenze scientifiche... che avete capito? Dovevo testarlo...). Insomma fatelo subito! Merita l'attesa.


Ingredienti:

150g di farina Nutrifree Integrale
70g di farina Sicilia a tavola
30g di farina di grano saraceno
100g di lievito madre o 8 g di lievito di birra fresco ( in questo caso aggiungi 50g di farina di riso e 50 ml di acqua)
210g di acqua
un cucchiaino di sale
1 cucchiaio di olio di semi di girasole
semi vari
  • In una ciotola versa l'acqua con il lievito  e  mescola bene per farlo sciogliere.
  • Unisci le farine miscelate, un po' alla volta, mescolando con una forchetta.
  • Quando tutta l'acqua sarà ben assorbita unisci il sale e per ultimo l'olio.
  • Impasta fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti e ottenere un panetto morbido, elastico e non appiccicoso.
  • Spolvera il piano di lavoro con farina di riso e stendi il panetto fino a formare un rettangolo lungo circa 16cm.
  • Arrotolalo su se stesso per foemare una sorta di salsicciotto con la chiusura verso sotto.
  • Poni l'impasto in uno stampo da plumcake rivestito di carta da forno, copri con pellicola e metti a lievitare fino al raddoppio in forno spento, dopo averlo portato a 50°(il mio impasto è raddoppiato dopo 4 ore).

  • Spennella la superficie del pane con un'emulsioe di acqua e olio e cospargi con i semi.
  • Inforna a 180° per circa 30 minuti, avendo cura di spruzzare le pareti del forno con dell'acqua nei primi 5 minuti di cottura. 
  • Trascorsi i 30 minuti, alza il forno a 200°, tira fuori lo stampo , estrai il pan carrè, liberalo dalla carta da fono laterale e inforna per altri 5 minuti.
  • Fai raffreddare completmente prima di affettarlo.
  • Per conservarlo al meglio ti consiglio di chiuderlo in un sacchetto di cellophane per alimenti, di quelli per il freezer: si manterrà ottimo per vari giorni.




Share:

domenica 7 giugno 2020

Gelato Millegusti con due ingredienti: veloce, facile , superlight!


Questo è sicuramente un periodo molto impegnativo per noi insegnanti, in particolare quest'anno: dopo la DAD, a cui siamo sopravvissuti grazie al nostro AD e al suo team, dopo le UDA strapazzate, allungate e poi sintetizzate, dopo l'ASL che diventa PCTO e il MIUR che diventa MI, dopo PDP per i BES e i DSA e i PEI per gli ADA e gli ADHD (o DDAI che dir si voglia), per non parlare del nostro CCNL che è praticamente mummificato ormai, tra CD e CdC, tra DS e DSGA, (...e se sei nell'anno di prova ti becchi anche il CdV), attraverso PEC , PON per poter insegnare la tua DNL in CLIL, e POR, pensando a settembre (COE o COI?), tra DPR, DPCM, DL, CTS, Lr, sempre attaccati alla GU perchè non si sa mai, ci sfugga qualche DLgs, tra DOP e DOS, tra GAE che si aprono e si chiudono... ci mancavano anche  PIA E PAI!!!!! Ma quando potremo ritornare a INSEGNARE??? Non mi riferisco solo al ritorno fisico a scuola... Quando potremo fare solo gli insegnanti e non i burocrati pieni di scartoffie inutili????
Dopo tutte queste complicazioni, dopo una mattinata tra programmi svolti, PIA, PAI e QUI QUO QUA, avevo bisogno di qualcosa di semplice, veloce, buono e che mi tirasse su.
Eccolo qui!
Un gelato che non ci fa sentire in colpa, leggero e pieno di vitamine, senza grassi, senza latte, senza panna, senza uova, senza glutine, senza gelatiera.... No, non sto scherzando.... E si fa in pochi secondi!
Due soli ingredienti.
Un mixer o un frullatore.

E ci togliamo l'impiccio.
Facile no?


Ingredienti:
1 banana
un pugno di ciliegie

In effetti questa non è una vera e propria ricetta... è un'idea.
La base di questo gelato o meglio frozen fruits è la banana che dovrai tagliare a fettine e mettere in congelatore dentro un contenitore chiuso per un paio d'ore ( puoi fare quest'operazione anche molto prima e lasciarla in freezer pronta all'uso) .
Quando ti verrà voglia di gelato prendi le fettine di banane e le inserisci nel boccale del tuo mixer o frullatore, aggiungi il gusto preferito, per me ciliegia, quindi una manciata di ciliegie denocciolate e frulla tutto per qualche secondo: MAGIA MAGIA! Il gelato è pronto! E' cremoso, goloso e buonissimo. La banana quasi non si sente, serve come base cremosa e dolce.
Ovviamente da questa idea puoi ricavare mille gusti, mantenendo la base banana e unendo quello che più ti piace:
  • Nutella
  • frutta di ogni genere
  • cacao amaro
  • caffè
  • sciroppi vari
  • yogurt
puoi dolcificare con miele o sciroppo d'agave o decorare con cereali, granella varia, codette di cioccolato... insomma largo alla fantasia!

A presto con altre idee #aprovadinutrizionista!


Share:

lunedì 1 giugno 2020

Panzerotti fritti senza glutine


Come canto del cigno del mio periodo "friggi-solo-se-ne-vale-la-pena" ho deciso di fare i panzerotti: in effetti dopo gli arancini, i cannoli siciliani e i torciglioni... i panzerotti ci stavano tutti, prima di appendere al chiodo il mio wok, almeno fino a Natale 2030.

Così sabato scorso ho fatto i panzerotti pugliesi per la mia famiglia e questa versione gluten free per me. Alla fine della cottura... ne avrò cotti una 20ina in tutto... avevo l'olio persino dentro il cervello.
Certo, la soddisfazione è stata tanta, in particolare per quanto riguarda la versione senza glutine: non mangiavo un panzerotto (...o calzone ) dal lontano 1994... infatti il primo me lo sono divorato appena cotto, mentre cuocevo gli altri. Ed è stato un bene perchè avendo fritto prima i miei nell'olio pulito, ho dovuto aspettare un po' per sedermi a tavola e nell'attesa gli altri panzerotti si sono sgonfiati (appena cotti sembravano zampogne!) anche se il gusto era ugualmente spaziale.
Share:

domenica 31 maggio 2020

Bundt Cake al caffè



Il caffè è uno dei miei gusti preferiti: gelato al caffè, crema caffè, granita al caffè (con panna..eheheh).
Anche nelle torte.
Questa Bundt Cake, o Ciambellone che dir si voglia ( anche se Bundt Cake fa più figo..) è sofficissima e si mantiene umida per giorni. Non ha burro, nè panna... che ho sostituito con yogurt greco e olio, per renderla un po' più "sana" dal punto di vista nutrizionale.
La sua carica di energia e bontà non ne risente minimamente, anzi. E la glassa la rende ancora più golosa. Insomma, provatela e mi direte!
Buona colazione!
Share:

lunedì 25 maggio 2020

Cannoli classici e al cioccolato




Se dico Sicilia dico... Cannoli! Ovvio!
Ma ahimè, anche i Cannoli fanno parte di quella categoria di dolci da fare una volta l'anno (FARE non mangiare...ehehe) perchè ormai lo sapete, ODIO friggere. Certo, è vero anche che per certe cose il sacrificio è ben ripagato... anche perchè quelli già pronti in commercio non si possono mangiare, almeno quelli che ho assaggiato io: troppo duri... poco croccanti....  troppo spessi.... Insomma ogni morso un difetto (diciamo che su certe cose non mi accontento facilmente).
La ricetta che vi presento oggi in realtà ha qualche anno... L'avevo fatta quando scrivevo per il giornale "A Tavola" e pubblicata sul numero di Luglio 2017 dove mi ero divertita a sglutinare i dolci della nostra tradizione: Tiramisù, Brioches col Tuppo, Cassata, Zeppole con la crema e appunto i Cannoli.
Come al solito non ne ero completamente soddisfatta, così documentandomi un po' sui blog della mia amica siciliana Sonia mi sono accorta che alla mia ricetta mancava un ingrediente, che è risultato quello giusto: l'uovo... o meglio un tuorlo. E così...voilà! Il cannolo è servito!
Share:

mercoledì 20 maggio 2020

Kinder Brioss ...o quasi, senza glutine



Ci sono cose che non si dimenticano.
Se nelle sere d'estate hai mangiato il pane caldo del forno del paese con pomodoro olio e origano...
Se al bar mangiavi il cornetto srotolandolo come fanno i bambini...
Se a Natale affondavi i denti in una soffice fetta di pandoro...
Beh... purtroppo anche se la celiachia fa parte della tua vita ormai da tanto, tantissimo tempo, certi ricordi culinari rimarranno sempre vivi (in effetti la celiachia purtroppo non comporta l'amnesia gustativa). Come anche il ricordo di certe brioscine al latte con le righe sopra, o altre attorcigliate con dentro la crema al cacao... o quelle a strati verticali che prima erano 4 poi sono diventati 3, in tempi moderni....
Molte cose grazie ai nuovi mix che ormai sono altamente performanti, non sono più solo un ricordo... il pane ad esempio... Così ho voluto giocare un po' al falso d'autore, provando a replicare queste famose brioschine. Il gusto è piacevole e delicato, anche le mie figlie non celiache le hanno apprezzate, così come l'estetica. La consistenza può essere ancora migliorata. Per ora ci accontentiamo, in attesa di tempi migliori.
Share:

lunedì 18 maggio 2020

Banana Bread con nocciole e gocce di cioccolato con farine naturali


Il Banana Bread è un dolce americano molto famoso. La base, come dice il nome, sono le banane schiacciate che regalano morbidezza e dolcezza.
Per la ricetta di oggi ho usato delle banane che dopo un viavai tavola- frigo- fruttiera giacevano in frigo ormai dimenticate in favore di frutta più allegra e colorata. Così volendo dare loro una "degna sepoltura" ho pensato di fare questo dolce da colazione in versione svuotadispensa: col caldo in arrivo preferisco non tenere frutta secca o farine aperte da un po', idem per la panna in frigo e le gocce di cioccolato. Insomma in con una sola ricetta mi sono disfatta di un po' di roba che altrimenti avrebbe fatto una brutta fine tra qualche giorno. A tutto vantaggio di una colazione gustosa e sana.
Share:

sabato 9 maggio 2020

10 idee per 10 mamme ovvero scegli il tuo dolce per la Festa della Mamma!

Tra pochissimi giorni sarà la Festa della Mamma così pensando di farvi un regalo gradito ho riunito qui 10 ricette da regalare o da regalarvi.

Ho cercato di scegliere immaginando mamme dai gusti diversi e diversi livelli di difficoltà ( facile, media, elaborata). Spero che tra queste troverete l'idea che state cercando!
A presto!








1) Banoffee Pie (facile): per una mamma golosa!







2) Rotolo alle fragole con bisquit alle mandorle (media): per una mamma raffinata.







3) Torta di fragole (facile): per una mamma semplice e concreta








4) Torta Cuore di Mamma ( elaborata) : per una mamma romantica.







5) Crostata Morbida alla frutta (facile): per una mamma allegra e molto cool.








6) Cheesecake al lime e frutti di bosco (facile): per una mamma giovane e frizzante.






7) Torta al cioccolato senza farina (facile):per una mamma dai gusti decisi.












8) Paris-Brest alla frutta con yogurt greco (elaborata): per una mamma chic.









9) Crostata di mele e nocciole (facile):per una mamma classica e tradizionalista.








10) Eclaires con crema cannolo (media): per una mamma anticonformista.


Share:
Blog Design Created by pipdig