lunedì 21 dicembre 2015

Coconut Snowballs: pasticcini al cocco facili e veloci per i regali dell'ultimo minuto!


E' stata una settimana dura... ma che dico dura...di più!

Un collegio docenti, tre incontri scuola-famiglia (con consegna di pagelle infraquadrimestrali...), un concerto, una recita, un saggio di ginnastica, 4 pacchi di compiti da correggere, un topper in pasta di zucchero, torte e biscotti vari.... E'stata una settimana di apnea profonda ma finalmente è passata! Certo, ancora devo provvedere a tutti i miei regali di Natale, ideare il menù e la spesa per la Vigilia, infornare e sfornare quintalate di biscotti.... ma ANCORA mancano ben 79 ore e rotti minuti... per cui... ce la farò!!!!
Intanto vi lascio una ricetta veloce e facile per fare dei pasticcini al cocco tratta da questo blog . Mi ha incuriosito il procedimento, diverso dal solito: morbidi e pallidi, sembrano delle palline di neve, leggera e impalpabile. Provateli e non ve ne pentirete!




Ingredienti:

  • 100 g di farina di cocco disidratato
  • 70 g di zucchero
  • 2 albumi
  • zucchero a velo

Lavora con una frusta gli albumi e lo zucchero in una pentolina,aggiungi la farina di cocco, mescola bene e fai cuocere a bagnomaria per pochissimi minuti, fino a che il composto non sarà abbastanza denso da essere lavoratocon le mani.
Rivesti  una teglia con un foglio di carta forno e modella con le mani umide l'impasto per ottenere delle palline (più o meno 15-18 grammi ciascuna).  Inforna a 170°C per 10 minuti, sforna, spolvera con zucchero a velo e lascia raffreddare perfettamente prima di spostare i pasticcini dalla teglia.


Share:

venerdì 11 dicembre 2015

Idea dessert per la cena di Natale: Albero di Croquembouche e la mia prima volta con il caramello filante!

Il Natale si avvicina a grandi passi e come ogni padrona di casa che si rispetti mi sono chiesta? E il dessert della cena (o anche del pranzo...) di Natale? Panettoni e pandori, torroni e ogni genere di dolce tradizionale non devono mai mancare, lo so.... ma dopo un mega pranzo ci vorrebbe un dessert leggero ma originale, bello e scintillante senza essere particolarmente impegnativo... E allora? Allora Croquembouche!
Il Croquembouche è un dessert di origine francese: si tratta di tanti piccoli choux ripieni di crema pasticcera tenuti insieme da caramello a formare una sorta di torre vuota al centro e decorata con fili di caramello.
Così, per provare l'effetto albero di Natale, avendo qualche bignè vuoto in freezer, ho provato a fare il mio dessert e a decorarlo : il risultato è stato buonissimo e anche carino nelle sue imperfezioni.
Vi lascio la ricetta e i miei consigli per renderlo ancora più bello.
Alla prossima!




Ingredienti:
per gli choux:
  •  -  60 gr di farina di riso finissima
    - 30 gr di fecola di patate
    - 100 gr di acqua
    - 2 uova
    - 30 gr di burro
    - Un pizzico di sale
  • per farcire: 200ml di panna montata zuccherata
  • per il caramello: 100gr di zucchero semolato, un cucchiaino di acqua, una nocciola.
In un tegame metti a bollire l’acqua con il burro a pezzetti e il sale. Intanto miscela le farine e appena l’acqua bolle versale in un colpo solo nel tegame e mescola bene. Appena comincia a rapprendersi spegni il fuoco e continua a mescolare. Versa il composto in una planetaria con frusta K  e fai mescolare a velocità bassa per fare raffreddare il composto. Se non hai la planetaria puoi usare un frullino elettrico senza problemi. Unisci le uova una alla volta, facendo  amalgamare bene prima di unire l’altro.  L’impasto alla fine dovrà avere la consistenza di una crema pasticcera sostenuta. Imburra una teglia e versa il composto in una sac à poche con bocchetta liscia. Forma gli choux e inforna a 180° per 20 minuti circa o fino a che non avranno un bel colore dorato. lasciali raffreddare in forno con lo sportello semi-aperto.
Quando saranno ben freddi riempili con la panna e mettili da parte.
Ora arriva la parte più divertente: prepara il caramello versando lo zucchero e l'acqua in un pentolino, fai sciogliere lo zucchero senza toccarlo, fino a che non assumerà un bel color miele, quindi dai una mescolata con una forchetta e lascialo ancora sul fuoco pochi minuti, fino a che non sarà fluido e trasparente. Toglilo dal fuoco, prendi un piatto da portata e bagna velocemente gli choux farciti nel caramello e sistemali a formare una piramide: non importa se non sarà perfetta, questa fase deve essere fatta in velocità perchè in caramello si solidifica facilmente. Se dovesse raffreddarsi ti basterà metterlo nuovamente sul fuoco qualche momento e mescolare. Finita la piramide intingi nel caramello una forchetta e fai colare il caramello su carta da forno, con movimenti veloci: dovresti ottenere dei fili dorati bellissimi! Raccoglili e sistemali intorno all'alberello prima che si raffreddino completamente.


 Completa con il puntale dell'albero, fatto con una nocciola intinta nel caramello e appoggiata sul bignè più alto!


NOTE:  Per avere un risultato estetico sicuramente migliore di questo primo esperimento ti consiglio di fare choux di misure diverse: i più grandi formeranno la base dell'albero e i più piccoli la parte superiore. Inoltre facendoli di dimensioni più contenute si potranno ottenere dei bignè sferici più facilmente.
Per quanto riguarda il caramello c'è un momento in cui raggiunge una temperatura particolare (quando comincia a raffreddarsi...) per cui lo si può lavorare più facilmente, tirandolo come se fosse un chewingum...è fighissimo! Diventa elastico e lo si può avvolgere facilmente come una matassa, peccato averlo scoperto alla fine! Sperimentare serve anche a questo! Per cui... sperimenta e divertiti anche tu!



Share:

lunedì 7 dicembre 2015

Idee dolci da regalare a Natale: Savoiardi senza glutine con farine naturali



Tra i tanti regalini edibili che potete fare  a Natale, tra i tanti biscotti di ogni forma e dimensione, se dovete fare dei biscotti per un amico celiaco, seguite il mio consiglio: regalategli dei savoiardi fatti in casa! Ne farete una persona veramente felice! Non solo perchè mangerà un biscotto sano, profumato e goloso, ma soprattutto perchè potrà finalmente mangiare un Tiramisù degno di questo nome!
Anche per chi non ha problemi di intolleranza, mangiare un Tiramisù fatto con savoiardi artigianali è tutta un'altra cosa. Ormai siamo talmente abituati a farlo con i savoiardi del supermercato sotto casa che nemmeno immaginiamo quanto sia buono fatto con i biscotti preparati dalle nostre manine sante.
Vi lascio la ricetta che è senza glutine ma il risultato è talmente buono e leggero che piacerà a tutti. Per questa ricetta mi sono ispirata un po' e un po', ovvero sono partita dalla ricetta del maestro Montersino e l'ho alleggerita in zucchero e tuorli, prendendo spunto da questa.
Alla prossima!



 Ingredienti:
  • 70gr di farina di riso sottilissima
  • 35gr di fecola di patate
  • 10gr di farina di mais sottilissima (fumetto)
  • 36gr di tuorli
  • 73gr di albumi
  • 70gr di zucchero
  • un cucchiaio di miele (circa 20gr) 
  • zucchero a velo consentito
 per circa 20 biscotti

Sbattiamo i tuorli insieme al miele . Uniamoli agli albumi montati con lo zucchero, mescolando dal basso verso l'alto. Incorporiamo delicatamente al composto la farina di riso, di mais e la fecola setacciate insieme.
Formiamo col sac à poche dei bastoncini sulla teglia foderata di carta da forno, spolverizziamo con abbondante zucchero a velo e inforniamo a 180° per 8-10 minuti circa.
Decoriamo con dell'altro zucchero a velo quando saranno perfettamente freddi.
Share:

giovedì 3 dicembre 2015

Idee regalo per Natale: Ghirlande di cereali!



Continuiamo la nostra ricerca di idee carine e originali per i nostri regalini di Natale con questa ricetta veloce e colorata, che conquisterà di sicuro i vostri bimbi.
Partendo dalla ricetta delle barrette di cereali che ho fatto tante volte, ho pensato di renderla un po' più natalizia aggiungendo un tocco di colore e dando alle barrette una forma diversa: un nastino rosso o un cordoncino colorato... qualche pallina di zucchero argentata e voilà... la nostra ghirlanda di Natale è pronta! Un dolcetto simpatico e particolare da regalare e che spopolerà alle festicciole scolastiche pre-vacanziere o post recita-saggio-concerto natalizio.
A presto con tante altre idee facili e veloci per arricchire il vostro cesto di Natale!




Ingredienti:


  • 50gr di fiocchi di mais  senza glutine o dei vostri cereali preferiti
  • 20gr di mirtilli secchi
  • 25 gr di sciroppo di agave 
  • 15 gr di zucchero di canna
  • una punta cucchiaino di colorante alimentare verde 
  • qualche pallina di zucchero argentata
per 5 ghirlande


Sbriciola i fiocchi di mais grossolanamente.Metti in una piccola padella lo sciroppo di agave e lo zucchero e fai sciogliere a fuoco lentissimo, fino ad ottenere un unico sciroppo trasparente e fluido. Unisci allo sciroppo il colorante, mescola bene e fai intiepidire
Versa i cereali in una ciotola,  aggiungi lo sciroppo ancora caldo e mescola bene tutto in modo che i cereali si impregnino bene di sciroppo. Unisci i mirtilli tagliuzzati e
distribuisci il composto  in uno  stampo per ciambelle precedentemente spennellato con olio di semi ( se è di silicone non ce ne sarà bisogno...) otterrai 5 ghirlandine. Schiaccia bene il composto con il dorso di un cucchiaino leggermente bagnato, così da compattare bene le ghirlande. Se non hai lo stampo dividi il composto in cinque mucchietti e sistemali su una teglia con carta forno, dai a ogni mucchietto una forma arrotondata e fai un buco al centro.
Inforna per 15 minuti a 150° (forno ventilato) quindi sforna e decora la ghirlanda con qualche pallina di zucchero; lascia raffreddare perfettamente prima di estrarre le ghirlande dallo stampo oppure prima di toglierle via dalla teglia.
Completa ogni ghirlanda con un fiocco rosso o con un cordoncino natalizio.











Share:

domenica 29 novembre 2015

Idee regalo per Natale: Doily Biscuits ovvero i Biscotti Centrino!


Oggi è la prima domenica di Avvento, il Natale è praticamente alle porte, per cui ho pensato di regalarvi qualche idea da utilizzare per i vostri pensierini di Natale.
Questi biscotti sono stati un amore a prima vista: così vezzosi e curati nella forma, semplici e classici nel gusto. La particolarità di questi biscotti, a differenza di altri dolcini natalizi dai colori sgargianti e dalle glasse stucchevoli,  sta proprio in questo decoro che li rende già bellissimi, senza aggiungere altro. Divertitevi a realizzarli con i vostri figli in qualche pomeriggio piovoso... vedrete che soddisfazione quando li regalerete!
Per questa idea ho usato la mia ricetta di frolla preferita, per cui anche voi potrete fare altrettanto. 






 Ingredienti:

  • 110gr di farina di riso* finissima
  • 75 gr di amido di mais*
  • 1 uovo intero
  • 75 gr di burro
  • 65 gr di zucchero
La ricetta che ho scelto per questi biscotti è quella che uso sempre per le crostate e i biscotti.
Miscela le farine e lo zucchero, fai un buco al centro e versaci l'uovo intero e il burro a fiocchetti. Impasta bene tutto fino ad ottenere un panetto di frolla elastica e soda. Metti il panetto in frigo per mezz'ora circa.
Riprendi l'impasto , stendilo a circa 3-4 mm e divertiti a creare i biscotti seguendo la tua fantasia. Io ho usato dei tagliapasta per il biscotto e per i decori dei piccoli stampini a espulsione (cuori, stelle...) e la punta di una bocchetta per la glassa reale, sottile quanto un ago, ma se non ce l'hai potrai usare benissimo uno stecchino .
appoggia delicatamente i biscotti su una placca foderata di carta da forno e cuoci in forno caldo a 180-200° per 8-10 minuti... fino a che avranno un bel colore dorato. Sforna e fai raffreddare completamente prima di spostare i biscotti dalla placca.








Share:

domenica 22 novembre 2015

Japanese Cotton Cheesecake con 3 ingredienti... e un tocco in più!


Sta impazzando ovunque sul web da quando una ragazza jap ne ha messo la ricetta su youtube. L'hanno fatta e rifatta tantissime blogger e non, testate giornalistiche hanno scritto articoli e post su questo "fenomeno" (torta o ragazza geniale?).Come potevo resistere? Senza glutine, solo tre ingredienti...Ecco la mia versione che prevede un quarto ingrediente... gelatina di ribes... giusto per decorarla un po'... e per finire petali di rosa brinati per farla diventare chicchissima!




Ingredienti:
  • 120gr di cioccolato bianco
  • 120gr di formaggio cremoso
  • 3 uova
per la decorazione:
  • un paio di cucchiai di gelatina di ribes
  • petali di rosa
  • albume e zucchero semolato

Separara i tuorli  dagli albumi e riponi questi ultimi a riposare in frigo. Preriscaldare il forno a 170° e nel frattempo sciogli il cioccolato bianco a bagnomaria, fino a che non diventa cremoso. Monta a neve gli albumi con un mixer elettrico e mettili da parte. Unisci al cioccolato fuso freddo il formaggio cremoso e mescola bene con una spatola fino a che non si sarà incorporato perfettamente. Unisci i tuorli alla crema e mescola bene.Infine aggiungi gli albumi in tre riprese, mescolando dal basso verso l'alto per non smontarli troppo. Imburra una tortiera apribile da 18 (o da 15 se vuoi una torta più alta), rivestila con carta da forno, ritagliando un cerchio per il fondo e delle strisce per i lati. Versare l’impasto nello stampo e posalo su una teglia in cui avrai versato dell'acqua calda: dovrà cuocere a bagnomaria. Infornare il tutto e lascia cuocere per 15 minuti a 170° poi abbassa la temperatura a 160°, lascia ancora per 15 minuti, quindi spegni il forno e lasciare che la torta si cuocia con il calore residuo per altri per altri 15 minuti. Fai raffreddare perfettamente la torta prima di toglierla via dallo stampo.

Per i petali brinati: sbatti con una forchetta l'albume. Pilisci i petali delicatamente con un panno umido e spennellali da entrambi i lati con l'albume, quindi passali nello zucchero semolato e ponili su un piatto ad asciugare per circa un'ora.

Per completare : fai scaldare a fuoco dolcissimo la gelatinadi ribes, in modo che sia più facile da stendere sulla torta. Metti in frigo per qualche minuto per farla solidificare e completa con i petali di rosa brinati.

 




Che dire? Ha una consistenza compatta ma setosa, mi ricorda una crema cotta... Il sapore è gradevole e con soli 3 ingredienti fa la sua bella figura... Sono però molto curiosa di provare a fare la Japanese Cotton originale, che ha una consistenza molto più soffice e leggera... Tra tutte comunque, a mio parere, la Cheesecake classica da forno rimane la più buona.

A presto!

Share:

domenica 15 novembre 2015

Sbriciolina alle ciliegie e mascarpone... per continuare a testa alta!




Non permettiamo a nessuno di condizionare la nostra vita: è questo il potere più grande... È questo quello che vogliono ottenere! E la paura è il mezzo più facile per fare sì che questo accada... Piangiamo le nostre lacrime giuste ma continuiamo a vivere a testa alta... Altrimenti ci avranno già ucciso tutti...

A tutte le vittime della barbarie umana
Con  infinita solidarietà
Angela



Ingredienti:
  • 110gr di farina di riso* finissima
  • 75 gr di amido di mais*
  • 1 uovo intero
  • 75 gr di burro
  • 65 gr di zucchero
per il ripieno:
  • 250 gr di mascarpone
  • 4 cucchiai di latte
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 200gr di confettura di ciliegie fatta in casa
per 5 Sbricioline

Prepara la frolla: miscela le farine e lo zucchero, fai un buco al centro e versaci l'uovo intero e il burro a fiocchetti. Impasta bene tutto fino ad ottenere un panetto di frolla elastica e soda. Metti il panetto in frigo per mezz'ora circa. Intanto prepara la crema: lavora il mascarpone con lo zucchero e il latte, quindi unisci la confettura e mescola bene.
Riprendi l' impasto e stendilo allo spessore di circa 3 mm, rivesti 5 tegliette da crostata ben imburrate e infarinate, buca la pasta con i rebbi di una forchetta e riempi ogni guscio con la crema alle ciliegie. Con la pasta frolla rimasta crea i ricciolini "grattuggiandola" sopra ogni guscio con una grattugia a fori grossi messa al contrario, dalla parte liscia.
Inforna le Sbricioline a 200° per 20 minuti circa.
Completa decorando con zucchero a velo* consentito.

*: prodotti a rischio se sei celiaco... controlla sempre che ci sia la dicitura "senza glutine" o la spiga barrata!








Share:

venerdì 13 novembre 2015

Torta Nuvola al cioccolato e miele e i miei primi 5 anni di blog!


 
Ed è arrivato  anche per me questo traguardo importante... i miei primi 5 anni !
Sembra ieri...anzi oggi...era la sera del 13 novembre del 2010... i bimbi dormivano... e io aspettavo che rientrasse mio marito che era uscito a cena con degli amici. Ero al pc... sono andata su Blogger e ho creato il mio account... Era una cosa che meditavo da tempo in realtà: ero attiva già in un forum di cucina, scrivevo delle ricette dialettali sul blog di amici...ma volevo uno spazio solo mio... che parlasse di me e mi rispecchiasse.
Ricordo l'emozione quando ho inserito la foto e l'ho vista comparire nella colonna in alto a sinistra... e poi il nome! Come lo chiamo? In un decimo di secondo non chiedetemi come e perchè mi è balenato il testa questo titolo "La ricetta della felicità". Bello, mi piace, suona bene... aggiudicato! E poi giù col primo post: "Da prof a chef...questo è il mio sogno: si può scoprire una passione per caso e farla diventare la propria professione? Lo scopriremo in questo viaggio alla ricerca della ricetta che tutti vogliono...quella della felicità. Ma che cos'è la felicità? Per me è essere in armonia con il mondo che mi circonda, con chi amo e mi ama, essere in armonia con me stessa. E il mio mezzo preferito per essere in armonia col mondo è il cibo :  i sapori, i profumi, i colori della cucina sono diventati il mio mantra; miscelare, impastare, decorare la mia terapia antidepressiva nei momenti tristi.".... e così è stato! Ricordo che appena ho cliccato il tasto "Pubblica" ho sentito il cuore che batteva all'impazzata! E appena postato ho scritto ad alcuni amici e ho mandato loro il link... a mezzanotte passata!
Ne è passata acqua sotto questi ponti, in 5 anni! Ma l'emozione nel ricordare quel primo momento in cui ho realizzato che era nato questo blog è ancora presente.
Oggi il mondo della blog sfera è cambiato e a volte faccio fatica a riconoscermi, a sentirmi ancora a mio agio. L'amore e la passione per la cucina però alla fine hanno la meglio, e mio malgrado continuo per la mia strada, inseguendo un sogno che da tempo coltivo.. ma questo ve lo racconterò nel post del decimo anniversario!
Grazie a tutti voi che mi seguite con affetto... siete in tanti lo so... ma mi piacerebbe che ogni tanto lasciaste un commento, un saluto... Il commento è importante perchè mi dà  la forza di continuare, mi fa capire che c'è qualcuno che legge, e magari cucina, ciò che scrivo.
Fatevi sentire, non solo su FB!
A presto!


 Questa torta l'ho chiamata così perchè è di una sofficità incredibile senza avere nemmeno un grammo di burro o olio... è talmente soffice che si fa fatica a sformarla senza romperla. L'ho fatta tante volte prima di oggi, provando a usare stampi particolari ma sempre con pessimi risultati... l'ideale è uno stampo semplice denza scanalature, apribile, oppure dividere l'impasto in tanti piccoli muffins.

Ingredienti:
  • 3 uova
  • 70 gr di zucchero
  • 1 cucchiaio scarso di miele
  • 30gr di cacao amaro di ottima qualità
  • 25gr di farina di riso finissima
  • mezzo cucchiaino di lievito per dolci
 la torta può essere completata con una spolverizzata di zucchero a velo. Se vuoi vestirla a festa come ho fatto io, questa è la ricetta della crema:
  • 100ml di panna da montare
  • due cucchiai di miele
  • caramelline di zucchero colorato
per uno stampo da 18 cm

Monta le uova con lo zucchero, fino a che non otterrai una crema spumosa e chiarissima. Unisci a filo il miele, continuando a montare alla massima velocità.
Miscela la farina di riso con il cacao e il lievito e versala a pioggia in tre volte, attraverso un settaccio, e mescola a mano con una spatola, dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Versa il composto in uno stampo ben imburrato e infarinato e inforna a 170° per 30 minuti... prova stecchino sempre.
Togli la torta dallo stampo solo quando sarà perfettamente fredda.
Monta la panna e unisci a filo un cucchiaio di miele. Spalma la panna sulla torta ben fredda e completa con le caramelline di zucchero e un cucchiaio di miele colatoa filo sulla panna.

La torta può anche essere servita con crema inglese versata a parte o con gelato alla vaniglia o con tutto quello che la fantasia ti suggerisce... è una base sofficissima sulla quale sbizzarrirsi!











Share:

domenica 1 novembre 2015

Barrette ai cereali, mandorle e arancia: vegan, gluten free, home made!

 
 Un'altra ricetta...o meglio, idea...veloce e facilissima!
Ancora barrette... per bilanciare la merenda o lo spuntino di metà mattina quando siamo sotto sforzo e..."non ci vediamo più dalla fame". Non vi propongo una nota merendina piena di  grassi e conservanti,  vi propongo uno snack sfizioso e croccante, tutto salute ed energia VERA.
L'abbinamento mandorle-arancia è a mio avviso spettacolare. Un contrasto perfetto. E poi ancora gluten free e ancora vegan. Perfetto per tutti coloro che vogliono mangiare sano senza rinunciare al gusto ogni giorno. Per gli stravizi e le golosità aspettiamo il week-end!
Semel in anno licet insanire... o meglio... in septem dies!




Ingredienti:

  • 60gr di fiocchi di riso integrale senza glutine 
  • 20gr di mandorle con la buccia
  • 20gr di buccia d'arancia candita a cubetti
  • 25 gr di sciroppo di agave 
  • 15 gr di zucchero di canna
per 8 barrette

Queste barrette sono facilissime e velocissime da fare.
Trita grossolanamente le mandorle e sbriciola i fiocchi di riso in pezzi più piccoli.
Metti in una piccola padella lo sciroppo di agave e lo zucchero e fai sciogliere a fuoco lentissimo, fino ad ottenere un unico sciroppo trasparente e fluido.
Versa i cereali in una ciotola, unisci  le mandorle e la buccia d'arancia candita,  dai una mescolata; aggiungi lo sciroppo ancora caldo e mescola bene tutto in modo che i cereali si impregnino bene di sciroppo.
Distribuisci il composto  in uno  stampo per barrette come questo: otterrai 8 barrette. Schiaccia bene il composto con il dorso di un cucchiaino leggermente bagnato, così da compattare bene le barrette. Se non hai lo stampo versa tutto il composto su una teglia coperta di carta da forno e livella formando un rettangolo spesso un cm e mezzo circa.
Inforna per 15 minuti a 150° (forno ventilato) quindi sforna e lascia raffreddare perfettamente prima di estrarre le barrette dallo stampo oppure prima di tagliare il rettangolo in tante barrette rettangolari.
Le barrette si conservano perfettamente in frigo per una decina di giorni (anche se  non dureranno così a lungo! :) )























Share:

lunedì 19 ottobre 2015

Ciambella alla zucca al profumo di arancia e mandorle

Qualche giorno fa ho ricevuto in dono da una gentile vicina una zucca bio nata, cresciuta e pasciuta nel suo orto. Beh.. non vedevo l'ora di farne un dolce visto che in questi giorni il web è zeppo di preparazioni "zucchesche" in vista del periodo autunnale.
Tra le tante ricette salvate, due in particolare mi erano piaciute anche perchè pubblicate da due blogger che stimo da tempo: sebbene molto simili, della ricetta di Assunta  avevo amato il procedimento el'uso della zucca cruda, della versione di Ale invece la combinazione e la grammatura degli ingredienti. Così come spesso capita, ho preso un po' di qua e un po' di là, mescolato bene, aggiunto del mio ed il risultato non ha deluso minimamente le mie aspettative: una ciambella delicata e soffice, adatta al tè delle cinque con le amiche o alla colazione dei bimbi insieme a un bel bicchiere di latte.


Ingredienti:
  • 110gr di polpa di zucca cruda
  • 45gr di olio di semi di girasole
  • 60gr di zucchero di canna
  • 2 uova
  • 75 gr di farina di riso finissima
  • 35gr di fecola di patate
  • 40gr di farina di mandorle
  • un cucchiaino di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di un'arancia
  • un cucchiaio di rhum
  • un pizzico di sale
  • burro per lo stampo
  • zucchero a velo consentito per decorare
per uno stampo a ciambella da 18cm

Frulla la polpa della zucca cruda (tagliata a cubetti) insieme all'olio: deve diventare una crema finissima, senza grumi o pezzettoni. Dividi i tuorli dagli albumi e monta i primi con lo zucchero, fino ad ottenere una crema chiara e spumosa, e gli albumi a neve con un pizzico di sale .
Miscela le farine e la fecolacon il lievito. Unisci la zucca alla crema di tuorli, aggiungi la scorza d'arancia e il rhum e mescola bene. Incorpora le farine, mescolando con una spatola e infine unisci gli albumi in tre volte, amalgamandoli con delicatezza dal basso verso l'alto per non smontarli troppo.
Versa il composto in uno stampo ben imburrato e infarinato e fai cuocere a 170° per 25-30 minuti, accertandoti della cottura con la prova stecchino.
Prima di sformare la ciambella aspetta che si raffreddi e decorala con zucchero a velo.















Per altre ricette con la zucca :
Ciambelline speziate alla zucca
Mezzelune con ricotta e zucca
Crostata di zucca speziata
Risotto d'autunno
Farfalle al (finto)salmone
Zucca in agrodolce
Zeppolette di zucca
Mini-cake di zucca e pinoli

A presto!

Share:

mercoledì 14 ottobre 2015

Muffins proteici ultralight con cacao e mandorle (...e fagioli!)

Di stranezze in giro per il web se ne vedono tante...oh se se ne vedono.... specialmente sui blog, specialmente sui blog di cucina, specialmente sui blog di cucina americani.
Quando ho letto per la prima volta questa ricetta qualche anno fa, dopo lo shock iniziale mi sono detta: Americanate! Poi però mi sono ricordata che avevo pensato la stessa cosa della Cheesecake (un dolce al formaggio?!) quando per la prima volta avevo visto in TV Fiona May che la cucinava, e memore del fatto che poi quel dolce era diventato uno dei miei preferiti, mi sono detta " Vuoi vedere che..." e ho fatto uno screen shot dal telefono e ho infilato la foto nella cartella "Ricette" del mio iphone, cartella dai giga infiniti, che ogni tanto passo sul pc, tanto per intasare anche la memoria del portatile e potere fare qualche foto ricordo dei compleanni dei figli.
In questo periodo post dieta-premantenimento-sublavorostressante non riuscendo a fare  a meno di un piccolo dolcino a colazione, ho pensato che un dolcino al cacao senza un grammo di farina e quindi di carboidrati, senza burro, senza olio, insomma quasi senza dolcino, sarebbe stato perfetto per ingannare la mia vista, il mio palato e quindi anche il mio stomaco, illudendolo di stare mangiando un godurioso muffin al cioccolato.
La ricetta non è mia, ma non sono riuscita a risalire al sito da cui l'ho presa, visto che avevo solo una foto della ricetta. Se qualcuno la conosce già e vuole gentilmente indicarmi il link sarò ben felice di inserirlo come ricetta originale.
A presto!




Ingredienti:
  • 250gr di fagioli rossi o neri già cotti (io ho usati quelli in barattolo)
  • 2 uova 
  • 20gr di cacao amaro
  • sale
  • vaniglia
  • 45gr di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di latte
  • un cucchiaino di lievito
  • mandorle
per 7-8 muffins

Lava bene i fagioli sotto l'acqua e tamponali con della carta assorbente. Inseriscili nel boccale di un mixer o nel bicchiere del minipimer insieme al latte e frulla tutto, devi ottenere una crema il più setosa possibile. Unisci le uova, il cacao, il sale, lavaniglia e il lievito e frulla ancora.
Versa il composto in sette stampi da muffins e decora con le mandorle tritate grossolanamente al coltello.
Inforna a 180°per circa 30 minuti. I muffins saranno cotti quando lo stecchino uscirà pulito. All'interno la loro consistenza deve rimanere morbida e umida ma non appiccicosa.

NOTE: Per ottenere una versione vegan le uova possono essere sostituite da 2 cucchiai di semi di chia frullati con 6 cucchiai d'acqua e lasciati riposare mezz'oretta, invece il latte da acqua o olio di semi.

Il mio parere? I muffins sono buoni e i fagioli se non lo sai non si sentono... se lo sai, come lo sapevo io, un lieve sentore si percepisce, ma è il prezzo da pagare per mangiare un muffins da sole 70 calorie (caloria più caloria meno...)!!!!







Share:
Blog Design Created by pipdig