domenica 27 luglio 2014

Cobbler di prugne e... buone vacanze a tutti!


 Il Cobble , questo sconosciuto!
In realtà questo dolce della tradizione americana e anglosassone, anche se meno famoso del fratello maggiore Crumble, è altrettanto squisito e facile da realizzare e rappresenta un modo fantastico per smaltire grandi quantità di frutta che si trasforma in un delizioso dessert, specie se accompagnato da una bella pallina di gelato di vaniglia.
Il Cobbler infatti è formato da una base di frutta ( di stagione, la vostra preferita!) e da una copertura soffice simile a un pan di spagna che assorbe lo sciroppo di frutta che si forma dopo la cottura,  inzuppandosi in modo sublime.
La versione che vi presento è  con farine naturalmente prive di glutine, per cui può essere tranquillamente consumata da tutti: buona buona buona! Provatela e vedrete!

Non mi resta che augurare a tutti voi che seguite questo piccolo blog e lo aiutate a crescere con i vostri commenti e visualizzazioni una estate di relax e spensieratezza!
Ci vediamo a settembre, in diretta da una nuova location (sempre se sopravviverò al trasloco!).



Ingredienti:
  • 750gr di prugne
  • 30gr di zucchero
  • 1 cucchiaio d'acqua
  • 40gr di farina finissima di mais
  • 35gr di farina finissima di riso
  • 45gr di fecola di patate
  • 60gr di farina di mandorle
  • 110gr di burro morbido
  • 30gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 60mldi latte
Lava le prugne e tagliale in quarti. Imburra leggermente una pirofila della capacità di un litro ( per controllare basterà versarvi dentro un litro d'acqua: se arriva all'orlo allora è perfetta!)  e versa le prugne, lo zucchero e l'acqua, dai una mescolata e metti da parte.
In una ciotola lavora il burro con lo zucchero quindi unisci l'uovo leggermente sbattuto, il latte e infine le farine miscelate insieme.
Distribuisci il composto a cucchiaiate sulle prugne fino a ricoprirle completamente e inforna a 180° per circa 25-30 minuti, fino a che non assumerà un bel colore dorato.
Il cobbler va servito tiepido; se sei una gran golosona accompagnalo con una pallina di gelato alla vaniglia.