mercoledì 21 dicembre 2011

Direttamente da Masterchef ....Bruno Barbieri

E’ lo chef italiano che ha il maggior numero di stelle Michelin, insieme a Gualtiero Marchesi. Ha scritto numerosi libri di cucina, tra cui uno dedicato alle polpette (“Polpette che passione!”)  e  uno sulla cucina senza glutine (“Squisitamente senza glutine”). La sua simpatia è travolgente e il suo accento romagnolo irresistibile.  Star del Gambero Rosso, ha cucinato per gli uomini più illustri della nostra storia recente, da papa Giovanni Paolo II al presidente Cossiga, da Pavarotti a Senna. E’ uno dei tre giudici di Masterchef,  trasmissione televisiva fenomeno del momento ( a proposito vi ricordo i due speciali, oggi e mercoledì prossimo sempre su Cielo alle 21,00! Non perdeteli!).
E’ un privilegio per me ospitare all'interno del mio blog  lui: ….BRUNO BARBIERI!


Foto Chef BN3
per gentile concessione dello chef Bruno Barbieri






Quando hai capito che volevi diventare uno chef?


Devo dire che fin da bambino avevo capito di avere una nota creativa nel dna. Le mie balie, la nonna la zia e la mamma, mi facevano odorare il pane appena uscito dal forno a legna; mio nonno al rientro da una battuta di caccia o in cerca di tartufi mi faceva vedere cosa la natura ci regalava…. un gran ben di Dio !!!! Poi la vendemmia… pigiare con i piedi l’uva, raccogliere le ciliegie, mungere il latte da una mucca per poi fare il formaggio e la ricotta…. Ma che cosa sarei potuto diventare da grande se non un cuoco ?!? Mia madre lavorava in  una sartoria…  mi divertiva anche attaccare i bottoni, stirare le camice (sono bravissimo ) … avevo un dono nelle mani !




Che rapporto hai con il cibo?

Fantastico!  Un rapporto meraviglioso ! Mi piace tutto, mangio di tutto eccetto il cumino, anche se ora, vista l’età,  sto molto attento : cibi sani manipolati il meno possibile,  zero additivi, niente nuvole di tonno, niente estratti di sanguisuga essiccate al sole di Marte, niente erbe coltivate con l’urina delle donnole ….: un filo di olio,  un pizzico di sale e una materia prima il meno manipolata possibile. Sto invecchiando!!!??




Quale piatto ti piace cucinare di più? Per chi lo cucini ?

Preferisco il salato,  le selvaggine, la pasta! E vorrei cucinare sempre per la persona che amo !!






So che cerchi un candidato per un posto nella brigata del Cotidie Restaurant a Londra. Quale sono le doti che non devono assolutamente mancare in un aspirante chef?

La determinazione, la voglia di diventare qualcuno, l’umiltà e credere fino in fondo a ciò che si fa (dentro al piatto ci deve essere il tuoi io !!!!!!!!!!!!!)



 Che ne pensi del rapporto tra food e web e del fenomeno dei foodblog?

Credo assolutamente sia una storia meravigliosa, in primis perché il blog  è  finalmente un mezzo per dare sfogo al proprio io… poi ci stanno mille cazzate ma non è un problema !!! I foodblog mi piacciono,  in particolare quando parlano di me, nel bene e nel male.  Ci sono abituato … scrivono anche di che colore sono le mie MUTANDE !!!! Per chi non lo sapesse, bianche !!
I blogger mi piacciono e  li adoro … il problema è uno solo : quando parliamo di qualcuno bisogna farlo con saggezza rispettando l’uomo !!!!




MasterChef ti ha dato molta popolarità presso il grande pubblico. Come riesci a conciliare gli impegni televisivi con la tua vita professionale?

Intanto ero già popolare … per lo meno al pubblico che va al ristorante !  Sette stelle Michelin non te le regala nessuno ! Gli impegni tra televisione e lavoro gastronomico non mi hanno mai preoccupato:  una grande squadra ha un grande allenatore, un grande allenatore ha un grande capo ! Ho avuto sempre dei collaboratori fantastici ora sono tutti parcheggiati su Marte !!!! Torneranno a Londra !




 Un aggettivo per definire i tuoi colleghi giudici di Master Chef, Carlo Cracco e Joe Bastianich….

Cracco  …meraviglioso,  Bastianich …un professionista gentleman !!


A cosa ha dovuto rinunciare Bruno Barbieri per diventare Bruno Barbieri?

Ai piaceri belli della vita : per diventare Bruno Barbieri c’era un prezzo da pagare molto alto… ma non ho debiti !!!!!!


Ci regali una tua ricetta per il cenone di Natale?

Dedicata a tutti :  se BRUNO BARBIERI esiste è certamente perché ci siete voi  !!!!
Un bacio
                                                                                Bruno Barbieri - London 






CANNELLONI_01
per gentile concessione dello chef Bruno Barbieri


GRATIN DI CANNELLONI 
CON CALAMARI E PAPPA AL POMODORO SALSA DI CIPOLLOTTI E CANESTRELLI



PER LA PASTA

-500g di farina OO
-4 uova intere

PER IL RIPIENO

-4 calamari puliti
-8 fette di pane toscano
-2 dl di salsa di pomodoro
-2 spicchi d'aglio tritati
-basilico abbondante
-origano q.b
-sale, pepe
-olio extra vergine d'oliva

PER LA SALSA
-200g di cipollotti
-30g di porro a julienne
-1 spicchio d'aglio
-1 patata a cubetti
-sale, pepe
-olio extra vergine d'oliva
-2 dl di brodo vegetale

ALTRI INGREDIENTI

-20 canestrelli puliti
-parmigiano grattugiato


PER LA PASTA: formare una fontana con la farina su un piano di legno, rompere le uova al centro e impastare finchè non si ottiene un impasto liscio ed omogeneo. Lasciar riposare mezz'ora in frigorifero.
Tirare la pasta dello spessore di 1 mm e ritagliare dei quadrati di 8 cm per lato.
PER IL RIPIENO: tritare i calamari non troppo fini.
Cospargere il fondo di un tegame con l'olio, adagiarvi sopra 4 fette di pane, cospargerle con salsa di pomodoro e stendetevi sopra metà dei calamari tritati; salare pepare, aggiungere aglio prezzemolo e origano.
Ripetere l'operazione una seconda volta con i restanti ingredienti. Cuocere avendo cura di evitare che il tutto si attacchi al fondo della pentola, facendo asciugare fino ad ottenere una consistenza abbastanza soda ed asciutta.
PER LA SALSA: far stufare il porro l'aglio, la patata a cubetti in olio extra vergine d'oliva, aggiungere il brodo vegetale e ultimare la cottura, aggiungetevi i cipollotti a julienne e lasciar cuocere finchè diventano morbidi. Frullare il tutto montando con un filo d'olio extra vergine d'oliva, filtrare. Tenere in caldo.
PER I CANNELLONI: riempire un lembo di ciascun quadrato di pasta con 2 cucchiaiate di ripieno; arrotolare la pasta su se stessa dopo averla inumidita. Chiudere i cannelloni ed eliminare la pasta in eccesso. Imburrarli spennellandoli con del burro morbido.

PREPARAZIONE
Cuocere i cannelloni a vapore per 3 minuti. Nel frattempo scottate i canestrelli in padella ben calda con un filo d'olio. A cottura ultimata adagiare i cannelloni su di una placca imburrata e cospargeteli di parmigiano. Gratinate leggermente in salamandra (o in forno a 200°C).

COMPOSIZIONE
Spolverare di parmigiano il piatto, adagiarvi la salsa di cipollotti e porvi sopra 2 cannelloni, aggiungere i 5 canestrelli e terminare con un filo d'olio extra vergine d'oliva a crudo.



Vi è piaciuta la mia sorpresa stellata????? L'intervista l'ho realizzata per il magazine About Food ( che vi consiglio di andare a sfogliare, se ancora non l'avete fatto!) . Per tutti i fans di Bruno Barbieri, vi ricordo che su FB esiste un fan club " Bruno Barbieri official fan club" a cui potete iscrivervi . Vi aspetto tutti qui domani per la seconda parte del mio menù di Natale ( secondo e dolce)... mi raccomando, non mancate! 

14 commenti:

  1. Bravissima Fujiko, che bello potere chiacchierare ed intervistare Bruno Barbieri. Mi piace molto, come persona e come chef. Io sabato ho conosciuto Cracco, sono andata a mangiare al suo ristorante qui a Milano e...avrei voluto chiedergli mille cose ma mi sono limitata, visto che ero a cena e non volevo apparire sfacciata. L'alta cucina è un'esperienza edificante. Ti abbraccio forte e ti faccio i miei più cari auguri per un sereno Natale, Valentina

    RispondiElimina
  2. Bellissimo Fuji!!!!
    Che bel regalo che ci hai fatto... mi sarebbe piaciuto conoscerlo di più e con le tue domande ci siamo riusciti :)
    Un bacione e grazie
    Eli

    RispondiElimina
  3. Beh in fondo le origini romagnole non possono mentire....l'Emilia Romagna ha da sempre sfornato grandi personaggi!!!

    RispondiElimina
  4. bellissima intervista! bellissima ricetta! bellissima sorpresa! Grazie!! Dessi

    RispondiElimina
  5. Bellissima intervista, i miei complimenti più sinceri :-) , colgo l'occasione per ricordare a tutti che Bruno e i suoi fan's vi aspettano sul fan club ufficiale a lui dedicato: BRUNO BARBIERI OFFICIAL FAN CLUB, potete iscrivervi tutti gratuitamente tramite facebook, sarete accolti con amore, simpatia e tanti gadget :-) Grazie ancora per la tua meravigliosa intervista, hai colto l'aspetto più genuino del nostro Bruno....:-)
    Daniela Perrone - Responsabile B.B.Official Fan Club

    RispondiElimina
  6. Che brava! Complimenti per tutto, ogni cosa che fai ti riesce benissimo :)
    Buon Natale!

    RispondiElimina
  7. ma che bel regalo ci hai fatto!!!!!!
    Grazie!!!
    E buone feste anche a te e a Mr.Bruno!

    RispondiElimina
  8. Bravissima Fujico...non vedevo l'ora di leggerla...bravissima!

    RispondiElimina
  9. ma daaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii e che ti devo dire????SUPERBAAAAAAA!!!

    RispondiElimina
  10. l'intervista l'avevo già letta su about food (: mi piace un sacco quest'uomo!!

    RispondiElimina
  11. stampo subito la ricetta!
    e grazie per averla condivisa :)

    RispondiElimina
  12. ammazza fujko!!!! questa era la sorpresa???? ci hai stese tutte!!! davvero fantastico!!! sono impressionata...no! di più!!! grazie a barbieri di essersi concesso e grazie a te per aver condiviso....buon natale fujko

    RispondiElimina
  13. Ma che eblla questa intervista! Brava e complimenti!!!! SEI GRANDE!!!
    :))

    RispondiElimina
  14. barbieri è emiliano non romagnolo

    RispondiElimina

AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA L. 633/1941 E S.M.I,, È ESPRESSAMENTE VIETATO RIPRODURRE, COPIARE, PUBBLICARE, TRASMETTERE, DISTRIBUIRE, IN TUTTO O IN PARTE, IN MODO DIRETTO O INDIRETTO LE PAGINE CHE COSTITUISCONO IL BLOG, NONCHÉ IL MATERIALE, TESTI E FOTO, PROTETTI DAL DIRITTO D'AUTORE, CON QUALSIASI MEZZO, SENZA AVER OTTENUTO PREVENTIVAMENTE IL CONSENSO E SOLO A CONDIZIONE CHE VENGA CITATA CHIARAMENTE LA FONTE.