mercoledì 28 dicembre 2011

Agnese Malatesti: una blogger alla corte di Masterchef.

Ci siamo conosciute in occasione del raduno a Castellammare per Gente del Fud e mi ha conquistata da subito. E' l'autrice, insieme ad Antonietta Ulivieri Moretti,  del foodblog più simpatico del web. Le sue curiose "faccine" hanno conquistato l'affetto e la simpatia dei telespettatori di Masterchef ( a proposito, vi ricordo il secondo speciale proprio stasera su Cielo alle 21,00!).  Per lei e solo per lei ogni mercoledì sera i miei figli avevano il permesso per guardare la tv fino alle 23,00 e fare il tifo per "l'amica di mamma". E' vulcanica e travolgente in cucina quanto lo è nella vita.
E' un grande onore, ma soprattutto una grandissima gioia, per me ospitare all'interno del mio blog lei, "la broccoletta alla corte di Masterchef": Agnese Malatesti!

masterchef_puntata03_pressuretest_40
per gentile concessione di Masterchef Italia



  1. Agnese come, quando e dove inizia la tua passione per la cucina? E l'avventura della “Banda dei Broccoli”, il tuo blog?
    La mia passione per la cucina è nata quando ero molto piccola. Passavo molto tempo con mia nonna, una grande cuoca, che tra le altre cose faceva il pane ed è stato il pane a “stregarmi”. Ero affascinatissima dalla magia della lievitazione, pensavo che mia nonna avesse dei poteri magici, così stavo sempre attaccata alla sua gonna per imparare i suoi trucchi, pensa tutti i miei ricordi su mia nonna sono legati a profumi di cibo.
    Il blog è nato durante una cena, io e Anto (Antonietta Ulivieri Moretti, coautrice della Banda dei Broccoli n.d.r.) , entrambe stressatissime dal lavoro in quel periodo, abbiamo pensato di creare il nostro piccolo mondo dove, attorno la cucina, ruotano tutte le altre nostre passioni: la musica, il cinema, il teatro, l'arte. Tutto quello che ci fa stare bene è tenuto insieme dal cibo. Nel blog ci raccontiamo, raccontiamo la nostra vita, ci allontaniamo per un po' dal quotidiano frenetico e stressante. Il nome“La Banda dei Broccoli” nasce parafrasando il titolo di un libro di J.Coe “La banda dei brocchi” che c'è piaciuto tanto.

  2. Cosa ti ha spinto a partecipare a Masterchef?
    È stato davvero un caso, pensa che io non ho la tv, quindi non avevo visto spot e cose del genere. In quel periodo però stavo seguendo un corso di cucina e la direttrice mi spinse a inviare la domanda. Ho riempito e inviato il questionario l'ultimo giorno utile.

  3. Sono curiosissima …. Raccontami come si sono svolte le selezioni...
    Per prima cosa ho fatto un colloquio telefonico, poi le selezioni romane con un piatto provato a casa una decina di volte, penso che Anto non ce la facesse più ad assaggiare i vari esperimenti di “Insalatina di spigola disidratata con uva, panna acida e cipolle croccanti”, diciamo che il mio primo vero giudice è stata lei! Il piatto è piaciuto molto, ma non avrei mai immaginato che mi richiamassero per le selezioni nazionali. Invece dopo una decina di giorni mi hanno comunicato che ero tra i cento finalisti selezionati per lo show cooking di Milano. Tre giorni prima di partire mi rompo pure un costola, non volevo più andare, sono partita solo perché quella santa di mia sorella si è offerta di alzarsi all'alba e portare per me pentole, padelle ed ingredienti per la prova. Ma i giudici non sapevano nulla ecco perché, quando durante la prima puntata mi appoggio al bancone, Cracco mi riprende, mica lo sapeva che facevo fatica a stare dritta!

  4. Nelle puntate vi vedevamo in abiti estivi... era il caldo delle luci di studio o avete veramente girato il programma durante l'estate? E in quanto tempo?
    A questa domanda non posso risponderti, ti dico solo che siamo stati tanto tempo insieme e che ogni puntata vista in tv per noi erano giorni di registrazione.

  5. Come si svolgeva la tua giornata durante il periodo delle riprese? Raccontaci un po' di segreti del backstage...
    Vivevamo tutti insieme in un residence vicino agli studi, ognuno nella sua camera, ma comunque facevamo vita di gruppo. Ci svegliavamo molto presto per registrare e di solito rimanevamo lì fino a sera. Avevamo anche dei giorni di riposo e, se non si tornava a casa, si stava tutti insieme, si usciva, si chiacchierava, si cucinava insieme, diciamo che siamo diventati una grande famiglia. Durante quel periodo ognuno di noi ha messo la sua vita normale in un cassetto, vivevamo un'altra vita, vivevamo una favola, per questo stato difficile tornare a casa, alla vita di tutti i giorni. A me manca un po' quella “dimensione”.

  6. Tra i compagni d'avventura con quale hai stretto un vero rapporto d'amicizia e chi invece non sopportavi... sinceramente...
    Sinceramente ho un buon rapporto con tutti, ci sono persone con cui ho legato immediatamente, come Danny e Davide. Altre che ho scoperto piano piano, come Fede. Poi adoravo passare il tempo con Luisa, chiacchierare con Imma e Ilenia, ridere con Spyros, prendere il caffè a tutte le ore con Albe, fare aerobica con Marika. Anna era la mia insegnante i bon ton, con Chiara condivido la passione per il rock. Alessandro era il mio compagno di banco, quindi durante le prove ci siamo fatti forza a vicenda. Paolo poi è la persona più buona che abbia mai incontrato e mi ha fatto pensare a subito a Babbo Natale, ma pure con Enea, Diego e Giada avevo un buon rapporto. Fred è un galantuomo, ma rimasto troppo poco tempo per poter dire di essermi affezionata.


    masterchef_puntata01_casting_133
    per gentile concessione di Masterchef Italia

  7. Sei stata giudicata per 5 puntate: ora tocca a te....Un voto da uno a 10 per Cracco, Barbieri e Bastianich...
    Allora Barbieri 10 e lode: riesce sempre a darti il consiglio giusto, sa essere spietato e comprensivo, come ogni buon insegnante, ama quello che fa, si vede che gli viene dal cuore, che non è solo tecnica e poi è un persona simpaticissima!
    Cracco 8: lui è un grande chef e lo sa. Mi metteva tanta soggezione. Aveva sempre quello sguardo che ti bucava lo stomaco. Da lui ho imparato ad “annusare” i piatti, a far arrivare gli odori al cervello a studiarli, a ricordarli. Ma generalmente era distante da noi, ci guardava da lontano o meglio diciamo che non si lasciava avvicinare facilmente
    Bastianich 7 e ½ : è molto pragmatico, molto americano, molto televisivo. Involontariamente però era il comico del gruppo tirava fuori delle frasette in italiano da morir dal ridere.

  8. Una domanda un po' cattiva: sei d'accordo con il giudizio finale dei tre giudici, o avresti fatto vincere Masterchef a un altro concorrente?
    Io adoro Danny e questo lo sanno pure i muri di Masterchef, ma forse da un certo punto in poi del programma si è lasciato un po' “morire” e questo glielo ripeto sempre. Luisa possiede una tecnica e una manualità fenomenali per la sua giovane età. Tutti i 18, secondo me, avevano in partenza la possibilità di vincere, in ognuno c'era un“qualcosa”. Spyros ha saputo cambiare man mano il suo modo di cucinare, evolversi come personaggio per questo è riuscito a vincere.

  9. Se dovessi fare un bilancio di questa avventura, come sarebbe...positivo o negativo? Che consigli mi daresti se volessi partecipare alla prossima edizione?
    Positivo sicuramente. Masterchef ha cambiato la mia vita, mi ha dato il coraggio e la forza di credere di poter fare della cucina il mio futuro. Ho incontrato persone splendide che spero di non perdere. Consigli? Credere in se stessi, essere se stessi, lottare con tutte le forze, non lasciarsi prendere dal panico (perché a me è quello che m'ha fregato!) Per quanto riguarda la cucina, conoscere le basi, avere fantasia e non aver paura i sperimentare.

  10. Sogni, speranze, progetti....
    Una parte del mio sogno s'è avverata, ora lavoro in un ristorante a Roma e per me questo vuol dire “aver vinto” il mio Masterchef. Ho molti progetti in cantiere, che mettono insieme musica, arte e cucina, ma non dico di più per scaramanzia.

  11. Ti faccio i miei migliori auguri allora per un futuro radioso. Un ultima richiesta: ci lasci una ricetta per il cenone di fine d'anno?
    Questo piatto è un'evoluzione di un mio piatto di Masterchef. È stato il piatto che mi ha fatto arrivare tra i 18 finalisti quindi è molto importante per me. Dunque “L'uovo in cocotte con carciofi e bottarga” è diventato un “Mezzelune ai carciofi con crema di topinambur e bottarga”.


masterchef_puntata02_primaparte_hangar_agnese_47
per gentile concessione di Masterchef Italia


Ingredienti per 6 persone
Pasta: -4 uova, 400 gr. di farina
Ripieno: 4 carciofi, 1 spicchio d'aglio, olio evo q.b., sale q.b., mezzo bicchiere di vino bianco.
Salsa: 400 gr di topinmbur, l250 ml di latte, 250 ml d'acqua, sale q.b., olio evo q.b., bottarga di tonno q.b.

Pasta.
Setacciate la farina e formate la classica fontana, quindi mettetevi al centro le uova e un pizzico di sale. Sbattete con una forchetta le uova, ed incorporate man mano la farina. Lavorate il composto per 15-20 minuti. Lasciatela riposare in una ciotola per mezz'ora. 
Ripieno.
Pulite bene i carciofi ed immergeteli in acqua acidula. Tagliateli poi a piccoli cubetti. Saltateli quindi in padella con olio e aglio. Salate e sfumate col vino bianco.
Tirate la pasta molto sottile. Per capire che siete arrivati al punto giusto tenendola in mano dovreste vedere le dita (almeno così diceva mia nonna!). Usate un coppapasta tondo e ritagliate dei cerchi. Ora riempite ogni cerchio con un cucchiaino di composto, chiudete a metà e sigillate con la punta delle dita. Non dovrebbe servire, ma se volete usate un po' di albume per chiudere meglio.
Salsa
Pulite il topinambur e fatelo a cubetti, fatelo bollire in acqua e latte con un pizzico di sale. Una volta cotto, scolatelo e frullatelo con frullatore a immersione aggiungendo un pò di olio evo a filo.
Cuocete le mezzelune in acqua bollente salata fino a che non vengono a galla, saltate in padella con la crema di topinambur. Servite con una generosa spolverata di bottarga grattugiata al momento.
Buon Anno!!



Vi aspetto venerdì per gli auguri e i buoni propositi per il nuovo anno!

Share:

12 commenti

  1. Anche noi tifavamo per Agnese! Che dispiacere vederla uscire... ma che bello sapere che sta seguendo la strada che ama! Bella intervista!
    Un saluto a te e alla Broccolina!

    RispondiElimina
  2. ebbrava Agnese!!! ceh belle queste sorprese Fuji!

    RispondiElimina
  3. Grazie grazie Fujiko! Spero di vederti presto e un saluto Patrizia!

    RispondiElimina
  4. Ho avuto il piacere di conoscere Agnese la scorsa estate a Roma, e ho guardato Masterchef solo perchè c'era lei...;-)

    RispondiElimina
  5. Agnese é bravissima,magari l`anno prossimo ci provo anch'io hahaha....baci,imma

    RispondiElimina
  6. La Broccoletta...che MITO!!!! Bravissima, Fuji!!!

    RispondiElimina
  7. Bravissima Agneseeeeeeeeeeeeeeeeeee.........Spero di conoscervi a qualche incontro,non vedo l'oraaaaaaaaaaaaaaaa............

    RispondiElimina
  8. E grazire a te conosco anche io un pò meglio la "broccoletta" ^_*
    Cara Angela passavo di qui, al volo come sempre in questi giorni, per lasciarti gli auguri di buone feste e buon anno nuovo.
    Tornerò presto a spulciare tra le tue magie :)

    Tiziana

    RispondiElimina
  9. non ho mai seguito masterchef ahimè! sono da bocciare :D ... ho letto con piacere l'intervista, grazie Fujiko! ciao cara buon anno!

    RispondiElimina
  10. ogni tanto mi trovo a cena a casa delle broccoline e devo dire che ne vale proprio la pena!! a breve voglio regalarmi una bella cenetta al ristorante romano dove lavora la chef agnese e ho già l'acquolina...;-))

    RispondiElimina

AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA L. 633/1941 E S.M.I,, È ESPRESSAMENTE VIETATO RIPRODURRE, COPIARE, PUBBLICARE, TRASMETTERE, DISTRIBUIRE, IN TUTTO O IN PARTE, IN MODO DIRETTO O INDIRETTO LE PAGINE CHE COSTITUISCONO IL BLOG, NONCHÉ IL MATERIALE, TESTI E FOTO, PROTETTI DAL DIRITTO D'AUTORE, CON QUALSIASI MEZZO, SENZA AVER OTTENUTO PREVENTIVAMENTE IL CONSENSO E SOLO A CONDIZIONE CHE VENGA CITATA CHIARAMENTE LA FONTE.

Blog Design Created by pipdig