lunedì 30 gennaio 2012

Il pane della mezz'ora delle Simili per Stefano Bianco.

Sempre più difficile.
Come un funambolo mi addentro nell'osservazione di questa nuova opera del maestro Stefano Bianco, in diretta dal blog di Ornella Ammodomio.
Carving in the kitchen Recipe number ten
Saltano agli occhi immediatamente le 5 figure centrali, ognuna di un colore diverso... formano una fila composta e ordinata... tutte volutamente uguali ma nello stesso tempo intimamente diverse... E' l'Umanità, siamo noi. Bianchi, neri, gialli, verdi... poco importa. Insieme siamo un UNO, siamo il nostro essere UMANI, in nostro essere gioia e rabbia, buio e luce, amore e odio... Ma c'è anche un'altro particolare che ci rende umani... che ci differenzia dal resto del Creato e che caratterizza ancor di più la nostra Umanità... : le mani. Le mani sono il segno fisico distintivo della nostra Umanità... del nostro essere UMANI. Le mani sono il veicolo più importante della nostra sensibilità, delle nostre emozioni, perchè ci permettono di CREARE... di far nascere dal nulla qualcosa... di inventare, migliorare, plasmare il mondo intorno a noi. Ma le mani possono accarezzare...ma anche schiaffeggiare.... possono creare il bello, l'utile, il buono,  il perfetto, quindi la sfera... o possono materializzare il brutto, l'inutile, il cattivo, l'imperfetto...quindi lo spigoloso cubo....
L'UMANITA' che celebra l'importanza della  MANUALITA'...
UMANUALITA'.... è questo il titolo che ho scelto per quest'opera.
E quale ricetta potevo abbinare a tale titolo se non questa?  Volevo qualcosa che rappresentasse al meglio l'Umanità e insieme la manualità... che esprimesse questo concetto di universale, di presente in ogni cultura o quasi.... Volevo un cibo semplice ma unico, basico ma splendido, opera di due mani che si muovono all'unisono, danzando ininterrottamente tra acqua e farina... un cibo magico, senza spazio e senza tempo: IL PANE.
La ricetta che ho scelto è quella di un pane veramente magico, provare per credere. Si impasta rigorosamente a mano. Le mie piccole varianti le trovate come al solito scritte in rosso.

pane 6c


PANE DELLA MEZZ'ORA
dal libro "Pane e roba dolce" delle Sorelle Simili



400g. di farina di forza ( 200g di farina 00+200g di manitoba)

100g. di acqua

1 cucchiaio e mezzo di acqua

18g. di lievito di birra
100g. di latte tiepido
15g. di burro
1 cucchiaio di zucchero ( un cucchiaino)
1 cucchiaino e mezzo di sale (2 cucchiaini...ci piace saporito)



pane c
ecco le due pagnotte appena sfornate
Sciogliamo in una tazza il lievito e lo zucchero con il cucchiaio e mezzo di  acqua. Intiepidiamo il latte insieme al burro ed al sale, versiamo il tutto in una ciotola, uniamo quasi tutta l'acqua, poi un terzo della farina e iniziamo a impastare, quindi aggiungiamo il lievito sciolto con lo zucchero e la restante farina e continuiamo a impastare. Deve risultare un impasto morbido; una volta ottenuta la giusta consistenza, regolando acqua e farina, trasferiamolo sulla spianatoia e lavoriamolo impastando e battendolo per tre volte sulla spianatoia, poi ancora impastando e battendo, così per 5 minuti. Dividiamo l'impasto in due pagnotte, schiacciamole con le mani per ottenere 2 ovali che piegheremo e arrotoleremo su se stessi, ottenendo due filoncini cicciottelli. Disponiamoli a falda sotto su una teglia ben infarinata con farina di semola di grano duro, e mettiamo la teglia nel forno freddo. Accendiamo il forno per un minuto, non ha importanza che temperatura, poi spegniamo e lasciamo riposare per 30 minuti il pane in forno. Quindi, senza aprire il forno, accendiamolo di nuovo a 200° e facciamo cuocere per 40 minuti. Se dovesse colorire in fretta coprite il pane con  carta stagnola. 

Il mio consiglio è quello di aspettare che il pane sia freddo per affettarlo... così che perda l'umidità della cottura e la mollica si assesti bene. La prima pagnotta l'abbiamo mangiata a cena, mezz'ora dopo averla sfornata: la mollica era sofficissima ma un pò umida e si sentiva un pò il profumo del lievito. La seconda l'abbiamo affettata il giorno dopo a pranzo: spettacolare! E' quella che vedete nelle foto. Non vedo l'ora di provarlo con le farine senza glutine!

pane 5c
guardate che bella alveolatura... è sofficissimo!

pane2c
suggerimento di uso....ihihihihi




pane1c
Share:

15 commenti

  1. Il pane è il cibo per eccellenza, credo lo sia davvero nell'immediato immaginario di tutti: è origine, storia e calore. Poi con una spalmata di crema alle nocciole..! ihiih!

    Buona Giornata*

    Francesca

    RispondiElimina
  2. viva il pane specie fatto così , è meraviglioso complimenti! e in poco tempo da non credere devo sperimentare al più presto ,grazie cara e buona giornata!

    RispondiElimina
  3. Che pane Fuji....e' davvero bello e poi sembra avere una morbidezza..lo riprovo di sicuro!!

    RispondiElimina
  4. Incantata, come sempre, dalla tua "Umanualità" e dalla tua arte oratoria!!! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  5. Bellissimo questo pane..Lo voglio proprio provare!!! Magari più avanti perchè è un periodo che ho dei problemi di salute e posso mangiare poco o niente, ma lo proverò...Ce l'ho anche io il libro delle simili e non avevo mai notato questa ricetta!

    RispondiElimina
  6. buonissimo, asnch'io lo faccio

    RispondiElimina
  7. con la seconda foto mi hai fatto venire l'acquolina;)

    RispondiElimina
  8. ma quanto è meraviglioso??? bravissima, davvero, la foto con la crema al cioccolato...non la dvevo vedere!!!!

    RispondiElimina
  9. Angela, ma sai che senza aver mai letto le Simili, faccio dei panini in maniera quasi identica? Metto un po'meno lievito e olio al posto del burro!
    Non dico nulla sull'interpretazione della scultura, solo che meritereste tutti di vincere, per quanto siete bravi!!!! Grazie! :)

    RispondiElimina
  10. Scelta perfetta, non avrei pensato ad altro...
    e questo pane è già nella mia lista "lievitati" ha un'alveolatura incredibilmente regolare, bravissima! Grazie per gli auguri :) ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  11. ...Dimenticavo di dirti che mi sono anche iscritta tra i tuoi sostenitori.....bellissimo il tuo blog e golosissimo questo pane....ne mangerei volentieri una fetta con la nutella.....passa a trovarmi se ti va...ti aspetto.....a presto stefy

    RispondiElimina
  12. Bellissimo questo pane e anche la scultura!
    Una bacione Arianna

    RispondiElimina
  13. Bellissimo pane e bellissima alveolatura :)
    Brava!
    Bella la tua impresa di ricercare la ricetta che nessuno possiede ^___^

    RispondiElimina
  14. Ciao Angela, ho cercato la ricetta del pane tipico calabrese sul tuo sito, ma non l’ho trovata, non c’è vero? Grazie, ciao Caterina

    RispondiElimina

AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA L. 633/1941 E S.M.I,, È ESPRESSAMENTE VIETATO RIPRODURRE, COPIARE, PUBBLICARE, TRASMETTERE, DISTRIBUIRE, IN TUTTO O IN PARTE, IN MODO DIRETTO O INDIRETTO LE PAGINE CHE COSTITUISCONO IL BLOG, NONCHÉ IL MATERIALE, TESTI E FOTO, PROTETTI DAL DIRITTO D'AUTORE, CON QUALSIASI MEZZO, SENZA AVER OTTENUTO PREVENTIVAMENTE IL CONSENSO E SOLO A CONDIZIONE CHE VENGA CITATA CHIARAMENTE LA FONTE.

Blog Design Created by pipdig