martedì 30 aprile 2013

Torta Marina al cioccolato e amaretti.... piacere allo stato puro!

Dite la verità... dopo l'insalata di pasta di Ketty e la torta rustica senza impasto vi stavate già preoccupando per me: più di una settimana senza una ricetta dolce! In realtà il caldo comincia a farsi sentire e l'idea di accendere il forno e il poco tempo a disposizione mi hanno fatto optare per una cucina più veloce e leggera.
Fino a domenica scorsa, giorno del compleanno della mia cognatina numero 4,la mascotte in ordine di età anagrafica  e di "anzianità ", in quanto quarto e ultimo acquisto della nostra numerosa famiglia. E siccome Lei adora il cioccolato (...cosa che nessuno direbbe mai visto il suo fisico perfetto...) ho pensato di preparare una torta cioccolatosa al massimo, che unisse sapori particolari e che un pò la rappresentasse.
E così è nata la Torta Marina, soffice ma croccante, dolce ma dalle sfumature amarognole, liberamente ispirata a questa torta della bravissima Morena.



TORTA MARINA

per la base (genoise al cacao):
8 uova
250gr di zucchero
150gr di farina 00
50gr di fecola di patate
50gr di cacao amaro 
30gr di burro fuso e freddo
mezzo cucchiaino di bicarbonato

per la bagna: mezzo bicchiere di Bayleis
mezzo bicchiere di latte

per la crema di farcitura:
250gr di mascarpone
350gr di panna montata
300gr di Nutella
60gr di amaretti secchi 

per decorare: 10 amaretti
panna montata
briciole di base al cioccolato

per una teglia da 24-26

Montiamo le uova con lo zucchero per almeno 15 minuti (come per il pan di spagna) fino a farle triplicare di volume.  Misceliamo la farina, la fecola, il cacao e il bicarbonato ( che io ho aggiunto alla ricetta originale perchè il cacao e il burro tendono ad appesantire l'impasto, per cui ho preferito aggiungere un pò di leggerezza...) e uniamolo alla crema di uova  mescolando delicatamente dal basso verso l'alto, per non smontare troppo il composto. Infine uniamo a filo il burro fuso e freddo, con molta delicatezza.
Versiamo il composto in una teglia imburrata e infarinata e facciamo cuocere a 170° per 40-45 minuti circa.
Intanto lavoriamo il mascarpone con una forchetta per ammorbidirlo e uniamo la Nutella. Per ultima aggiungiamo la panna montata ( tranne un paio di cucchiai che ci serviranno per la decorazione...)in due o tre volte, amalgamando sempre con molta delicatezza.
Sforniamo la torta e lasciamo intiepidire prima di sformarla. Quando sarà perfettamente fredda, tagliamo il "cappello" che si sarà formato e pareggiamola bene, tenendo da parte i ritagli di torta che ci serviranno per la decorazione. Tagliamo la torta in tre strati e posizioniamo il primo disco  su un piatto da portata, bagnamolo bene con una miscela di latte e Bayleis e ricopriamolo con la metà della crema alla Nutella, nella quale all'ultimo momento avremo sbriciolato gli amaretti grossolanamente. Copriamo con il secondo disco e ripetiamo l'operazione, inzuppandolo e ricoprendolo con la restante crema. Ultimiamo il montaggio coprendo con il terzo disco di torta al cacao questa volta già inzuppato di bagna.
Rivestiamo la torta con uno strato sottile di panna e lisciamo bene quindi posizioniamo gli amaretti tutti intorno alla circonferenza e ricopriamo la torta con i ritagli di pasta al cacao sbriciolati finemente, facendoli aderire bene alla panna facendo una leggera pressione con le mani.

NOTE: 
- Vi consiglio di fare la base il giorno prima o almeno con un paio d'ore d'anticipo (l'ideale sarebbe farla la mattina prima) così è più semplice da tagliare senza rovinare gli strati.
- Anche la farcitura sarebbe bene farla la sera e lasciare la torta in frigo tutta la notte perchè si impregni bene degli aromi della bagna e della crema.
- Come ho già detto il bicarbonato è una mia aggiunta, voi potete anche ometterlo, ma secondo me è fondamentale per la morbidezza.
- Il mio consiglio è di tenerla in frigo fino al momento di servire: divina!







 

13 commenti:

  1. Oddioooo...gli amaretti!! ma io li adoro..adesso mi toccherà fare anche questa versione mannaggia!! Splendida e di sicuro buonissima!! Brava, sono proprio contenta che tu ti sia ispiarata alla mia...Grazie!

    RispondiElimina
  2. MA CHE MERAVIGLIA!!!! SOLO A GUARDARLA HO L' AQUOLINA IN BOCCA , COMPLIMENTI ...UN ABBRACCIO.

    RispondiElimina
  3. ohhhh mammmmmmasantisssimaaaaaaaaa!!!! cercavo proprio una torta da fare per la cena del mio compleanno !!!!!

    RispondiElimina
  4. anche qui il caldo oggi si è fatto sentire, ma per questa torta un'eccezione l'avrei fatta :P
    è stragolosa!

    RispondiElimina
  5. Che delizia!!! E che bella che è!! Mette l'acquolina!

    RispondiElimina
  6. Questa torta a prima vista è bellissima, poi vedo la foto della fetta tagliata e inizio a sbavare...

    RispondiElimina
  7. Immagino la gioia della festeggiata e di tutti gli altri che l'hanno degustata.. Complimenti a te e alla Morena che citi!!!

    RispondiElimina
  8. Una torta paradisiaca!!vorrei avere più occasioni per fare delle torte così ricche..intanto me la gusto con gli occhi!:-)

    RispondiElimina
  9. Golosissima!!!! tanto bella anche!!!! Ciao,

    RispondiElimina
  10. mammamia che goduria!! favolosa....semplice e allo stesso tempo di grande effetto...complimenti! già me la sono segnata! ^_^ baciii

    RispondiElimina
  11. buon compleanno a Marina e beata lei ad avere una cognata che le regala un capolavoro per il compleanno, un bacione ad entrambe e buon primo maggio

    RispondiElimina
  12. Solo che ho letto amaretti ho gli occhi a cuoricino... poi il resto... ciao... non riusciro mai a perdere i chili presi in vacanzaaaaaa!

    Un bacione

    S.

    RispondiElimina
  13. Mamma mia quella fetta !!!!!!Da fare assolutissimamente.

    RispondiElimina

AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA L. 633/1941 E S.M.I,, È ESPRESSAMENTE VIETATO RIPRODURRE, COPIARE, PUBBLICARE, TRASMETTERE, DISTRIBUIRE, IN TUTTO O IN PARTE, IN MODO DIRETTO O INDIRETTO LE PAGINE CHE COSTITUISCONO IL BLOG, NONCHÉ IL MATERIALE, TESTI E FOTO, PROTETTI DAL DIRITTO D'AUTORE, CON QUALSIASI MEZZO, SENZA AVER OTTENUTO PREVENTIVAMENTE IL CONSENSO E SOLO A CONDIZIONE CHE VENGA CITATA CHIARAMENTE LA FONTE.