lunedì 8 gennaio 2018

Pagnotta con licoli (12 ore di lievitazione)




 A volte ritornano... ma non è detto.
Sono passati sei mesi dall'ultimo post... sei mesi di impegni lavorativi in una nuova scuola, l'ennesima e credo la definitiva, sei mesi di progetti che sembrano finalmente avere una forma e dimensione, sei mesi di ricerca di nuovi stimoli e ispirazioni, perchè la crescita non abbia mai una fine ma ricominci ogni giorno come se fosse il primo.
Mi è sembrato giusto e anche molto onesto testimoniare questa ricerca di nuovo e di sincerità iniziando questo nuovo anno con una ricetta veramente onesta e sincera, quella del pane... un pane senza glutine che fino a un anno fa sarebbe stato un sogno il solo desiderarlo e che invece testimonia che nulla è impossibile quando si crede in ciò che si fa e ci si impegna con umiltà giorno dopo giorno senza farsi scoraggiare dai fallimenti e facendo tesoro dell'esperienza propria e degli altri.





 Ingredienti:

  • 300g di farina Free from Belbake Lidl
  • 280g di acqua
  • 100 g di licoli senza glutine rinfrescato da poco
  • mezzo cucchiaino di sale
  • un cucchiaio d'olio
  • farina di mais sottile per la formatura

Versa il licoli in una ciotola capiente, unisci  l'acqua e diluisci bene quindi, mescolando con una forchetta, incorpora la farina.
Unisci il sale e l'olio e continua a impastare con la forchetta. L'impasto è molto morbido per cui non avrai problemi a impastare con la sola forchetta.
Copri la ciotola con pellicola e metti a lievitare in forno spento per 12 ore (io impasto la sera di sabato per avere un pane fragrante la domenica).
Trascorse le 12 ore prendi  una teglia rivestita di carta forno e cospargila con 2 cucchiai di farina di mais sottilissima.
Scaravolta sulla teglia l'impasto cercando di toccarlo il meno possibile.
Cospargi la farina di mais anche sull'impasto  e spennella bene con un 'emulsione di olio e acqua.
Inforna sul ripiano più basso del forno  a 240° per i primi 15 minuti poi abbassa a 220° e finisci la cottura.
Aspetta che si raffreddi bene prima di affettarlo.



Per avere una cottura ottimale ti consiglio di usare una pietra refrattaria (la trovi per poche decine di euro su internet o nei negozi di casalinghi ) che introdurrai in forno appena acceso e sulla quale potrai adagiare la pagnotta direttamente con la carta forno, facendola scivolare delicatamente sulla pietra rovente. Se non hai la pietra puoi ovviare con una leccarda che introdurrai a forno freddo e farai arroventare come la pietra.



Share:

2 commenti

  1. Sono sempre io, Adriana, volevo anche chiederti se posso usare un altro tipo di farina, dato che non ho problemi di glutine. Ancora grazie Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo ma dovrai dosare i liquidi diversamente, ti basterà molto meno acqua... Comincia da 150 g ed eventualmente aumenta di 20 gr un po' alla volta fino ad ottenere una consistenza densa ma appiccicosa e grumosa.

      Elimina

AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA L. 633/1941 E S.M.I,, È ESPRESSAMENTE VIETATO RIPRODURRE, COPIARE, PUBBLICARE, TRASMETTERE, DISTRIBUIRE, IN TUTTO O IN PARTE, IN MODO DIRETTO O INDIRETTO LE PAGINE CHE COSTITUISCONO IL BLOG, NONCHÉ IL MATERIALE, TESTI E FOTO, PROTETTI DAL DIRITTO D'AUTORE, CON QUALSIASI MEZZO, SENZA AVER OTTENUTO PREVENTIVAMENTE IL CONSENSO E SOLO A CONDIZIONE CHE VENGA CITATA CHIARAMENTE LA FONTE.

Blog Design Created by pipdig