lunedì 23 settembre 2013

Plumcake semplice con grano saraceno per la colazione del lunedi!

E' duro il lunedì.
Ricominciare la settimana dopo un weekend rilassante, senza orari, senza vaievieni, senza devoricordarmidi... è veramente pesante. Ma tant'è... Almeno cominciamo questa lunga settimana di lavoro con una colazione fragrante e profumata: latte o yogurt, un frutto e una bella fetta di plumcake.
Questo che vi propongo oggi è di una semplicità disarmante, non solo negli ingredienti ma soprattutto nella preparazione... insomma da preparare per coccolarsi un po' prima di affrontare il mondo!
Buona settimana!



 PLUMCAKE SEMPLICE
con grano saraceno

125gr grano saraceno
125gr zucchero di canna
100 gr burro fuso freddo
125gr farina di mandorle
3 uova
mezza bustina di lievito


Montiamo lo zucchero con le uova intere fino a ottenere una crema molto chiara.
Aggiungiamo  le farine  miscelate con il lievito, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto.
Versiamo l'impasto in una teglia da plumcake, imburrata  e cuociamo per circa 35 minuti in forno moderato (180°C, magari abbassando a 170°C dopo 15 minuti).
Sforniamo e facciamo freddare prima di procedere al taglio. Possiamo mangiare il nostro plumcake spolverato con zucchero a velo o semplicemente spalmato con la nostra confettura preferita: è ideale  per  accompagnare latte o yogurt e un frutto, per una colazione sana ed equilibrata.









Share:

venerdì 20 settembre 2013

Spaghetti con pesto siciliano : ricetta in divenire!

Spaghetti con pesto siciliano o pesto alla siciliana? O addirittura alla trapanese o all'eoliana? Non so... so solo che da quando li ho mangiati (solo con gli occhi.... ma mio marito anche con il resto....) in un ristorantino sulla spiaggia di Cefalù sono diventati la mia ossessione!
Ho cercato la ricetta, ho chiesto ad amiche siciliane.... ricotta si, ricotta no...solo ricotta salata, mandorle si....no pinoli, sugo di pomodoro....no pomodorini! Insomma la ricetta del vero pesto siciliano non sono riuscita a trovarla... anche perchè credo che come per tutte le ricette tradizionali, patrimonio dell'umanità, poi ognuno ha la sua.
Detto questo, vi propongo quella che ho cercato di creare unendo i consigli delle amiche sicule al ricordo del piatto fantastico di Cefalù . Mi scuso fin da ora con tutti gli amici siciliani di ogni latitudine per le eventuali e probabili sacrilegi che troveranno nella ricetta... e anzi li invito a commentare inviandomi i loro suggerimenti e modifiche.....Comunque anche questa versione merita ....provate e vedrete!

 SPAGHETTI COL PESTO SICILIANO

400gr polpa di pomodoro
basilico
uno spicchio d'aglio
100gr di ricotta
100gr di mandorle
olio EVO
320gr di spaghetti

per 4 persone

Facciamo abbrustolire le mandorle in padella, facciamo raffreddare e frulliamole ranne una decina che invece pesteremo dentro un mortaio o in mancanza con un batticarne in modo da ottenere una granella grossolana.
Mettiamo a cuocere la pasta secondo le nostre abitudini, quindi frulliamo insieme i pomodori con l'aglio, il basilico, la ricotta e un paio di giri d'olio, aggiustiamo di sale e mettiamo da parte.
Quando la pasta sarà cotta scoliamola bene e condiamola con il pesto, uniamo le mandorle frullate e impiattiamo. Completiamo il piatto con le mandorle pestate e basilico.






Share:

mercoledì 18 settembre 2013

Mattonella savoiardi e pesche super facile e veloce!

Salve a tutti ! La scuola è ricominciata e la vita della mia vivace famiglia viaggia già a tutto ritmo.
Il tempo sembra non bastare mai per cui vado alla ricerca, mio malgrado, di soluzioni semplici e veloci, per risolvere il dessert o festeggiare un evento, senza però trascurare la cura estetica che in un dessert è quasi più importante del gusto.
Questo di oggi è un dessert che ho preparato ad agosto, per il compleanno di mio figlio maggiore. Il caldo terrificante mi ha praticamente impedito di accendere il forno...ma non è bastato a fermare la mia voglia di fare comunque un piccolo dolce per i 14 anni del mio cucciolotto (se mi sente...! ) per festeggiare in famiglia l'ingresso nell'adolescenza...in attesa della pizza serale solo con gli amici!





MATTONELLA DI SAVOIARDI E PESCHE

un pacco di savoiardi
500ml di panna
250gr di mascarpone
un barattolo di pesche sciroppate

 per la bagna: 100ml di limoncello+ 100ml di sciroppo di pesca

Montiamo la panna e a parte lavoriamo il mascarpone con qualche cucchiaio dello sciroppo delle pesche. Uniamo la panna alla crema di mascarpone mescolando dal basso verso l'alto con delicatezza. Tagliamo le pesche sciroppate e pezzettini, tutte tranne 4 che useremo per la decorazione finale.
Prepariamo la bagna per i savoiardi mescolando semplicemente lo sciroppo con il limoncello. 
Prendiamo un piatto  da portata  e sistemiamo  uno strato di savoiardi bagnati nel limoncello e sciroppo di pesca (quello del barattolo). Spalmiamo sui savoiardi uno strato di crema pari a 1/3 del totale, quindi cospargiamo con metà delle pesce a pezzettini; procediamo allo stesso modo con un secondo strato di savoiardi , crema e pesche infine completiamo con un terzo strato di soli savoiardi. Mettiamo la crema rimasta in un sac à poche e procediamo alla decorazione disegnando delle onde  in obliquo e completandola con le pesche a fettine.
Mettiamo la torta in frigo per un paio d'ore e buon appetito!







Share:

giovedì 12 settembre 2013

Melanzane grigliate sott'olio e sugo pronto per conservare un po' d'estate in un barattolo!

Settembre, tempo di conserve.
La natura si prepara al lungo sonno invernale e anche noi, da formichine operose (anche se io mi sento tanto cicala...), ci prepariamo ad affrontare l'arrivo del freddo  cercando di catturare un raggio di sole e chiuderlo in un barattolo .
Quest'anno, come ogni anno del resto, ho approfittato del mese di agosto per fare qualche conserva ( marmellate, pesto, sott'olio...) e dopo avere fatto le nostre classiche melanzane sott'olio che non devono mai mancare nelle cene invernali a casa Fujiko mi sono ritrovata con una seconda bustona di melanzane biologiche da dovere smaltire. Volevo una ricettina nuova e sfiziosa e mi sono ricordata di mia cugina Rosi, che era appena partita per Torino, dopo le ferie qui in Calabria.
Prendo il telefono e...Whats App!
-Rosi ti volevo chiedere  la ricetta delle melanzane...quella che mi dicevi... come le fai?
- Io le metto sotto sale
-Con la buccia o le sbucci?
-Sbucc (whatsapp è whatsapp!)
-Poi le griglio tutte e le metto in aceto per circa 4/6 ore
-Le fette quanto spesse?
- Le fette un po' spessotte...
- Tipo? Un dito?
- Anche meno....

E poi? Curiosi? Il resto lo scoprirete leggendo sotto la ricetta completa!
Dimenticavo! Con un paio di melanzane ci ho fatto anche un sughetto da conservare per i giorni invernali in cui arriverò stanca da scuola senza avere nulla di pronto da cucinare...
Forse però un po' formica lo sono anch'io!
Buon lavoro e alla prossima!


 MELANZANE GRIGLIATE di Rosi

melanzane
sale qb
aceto qb
olio di semi di girasole
menta o basilico, aglio, peperoncino
 barattoli

Sbucciamo le melanzane e tagliamole a fette spesse un dito. Mettiamole sotto sale e lasciamole a riposo per un paio d'ore. Sciacquiamole bene e strizziamole delicatamente. Grigliamo le melanzane e riponiamole tutte in una ciotola capiente quindi copriamo con aceto bianco a filo dell'ultimo strato e lasciamole così a marinare per 4-6 ore. Strizziamole delicatamente e mettiamole ad asciugare su carta assorbente senza sovrapporle, per almeno un paio d'ore. Sistemiamole nei vasetti, alternandole agli aromi (interi o tagliuzzati...come preferite...) e copriamole d'olio. Chiudiamo bene e procediamo alla sterilizzazione: sistemiamole in una pentola, copriamo d'acqua e portiamo a bollore, lasciamo bollire per almeno 30 minuti e spegniamo. Lasciamo i barattoli nella pentola fino a che l'acqua non si sarà completamente raffreddata.


SUGO PRONTO ALLE MELANZANE

pomodori
un paio di melanzane
olio EVO
sale, peperoncino, basilico
cipolla di Tropea

Laviamo bene i pomodori e dopo averli tagliati a metà mettiamoli in una pentola con coperchio e accendiamo il fuoco SENZA AGGIUNGERE NIENTE ALTRO. Portiamo a bollore e facciamo cuocere per 15 minuti. Spegniamo il fuoco, aggiustiamo di sale e uniamo il basilico. Frulliamo i pomodori cotti con il minipimer fino ad ottenere una passata . Tagliamo le melanzane a quadrotti, con la buccia, e mettiamole sotto sale. Facciamo un soffritto con olio e cipolla, secondo le nostre abitudini, versiamoci la passata e facciamo cuocere per mezz'ora circa , uniamo il peperoncino e completiamo la cottura.  
Nel frattempo laviamo le melanzane per togliere il sale in eccesso e friggiamole. Quando il sugo sarà cotto tuffiamole dentro , mescoliamo e invasiamo immediatamente. Chiudiamo bene e poniamo i barattoli in una pentola con acqua tiepido-calda ( NON FREDDA; mi raccomando altrimenti i barattoli potrebbero danneggiarsi per lo shock termico) e portiamo a bollore. Facciamo bollire per mezz'ora, quindi spegniamo e lasciamo raffreddare in pentola.

MELANZANE CLASSICHE SOTT'OLIO
alla calabrese


 Per le melanzane classiche sott'olio alla calabrese vi rimando al post pubblicato l'anno scorso e che trovate cliccando qui.






Share:

lunedì 9 settembre 2013

La torta magica al cocco senza glutine ...e buon anno nuovo!

Eccoci di nuovo tutti qui. No, non sono pazza...ahahah!  Scommetto che leggendo il titolo di questo post avete pensato che lo fossi... magari a causa di un raggio solare biricchino...  O che magari avessi per errore pubblicato un post dello scorso Capodanno...
Settembre ritorna e con lui comincia un nuovo anno.
Per chi vive nel mondo della scuola infatti gli anni si contano da un settembre all'altro :il 31 agosto è l'ultimo giorno del vecchio anno scolastico... e spesso da precari facciamo anche i veglioni... ad aspettare gli esiti degli incarichi nelle anguste aule...o peggio nei cortili assolati.... degli uffici scolastici provinciali ( i vecchi provveditorati...li ricordate?). Dal 1 settembre infatti si da avvia a un nuovo anno scolastico.... solo che invece di un bel Cenone con cappone e tortelli ci becchiamo il primo impegno ufficiale: il Collegio Docenti.... una assemblea-fiume che si sa quando comincia ( più o meno...) ma non si sa quando finisce, in cui si espletano tutte le formalità per dare avvio al benedetto anno nuovo.
E così anche il mio anno nuovo ha avuto inizio: nuova scuola, nuovi colleghi, nuovi alunni. Si riparte da zero. Questo e altro pur di essere un po' più vicina a casa e non dovere lasciare tutti i giorni all'alba i miei figli che ancora dormono.
Per festeggiare dunque questi cambiamenti niente di meglio di questa tortina...la più famosa dell'estate 2013: la Torta Magica... perchè  nella vita c'è sempre bisogno di un pizzico di magia! 


LA TORTA MAGICA
al cocco  senza glutine

 4 uova
150 di zucchero
50gr di farina di cocco
70gr di farina senza glutine (o farina 00 se non avete problemi di intolleranze)
125gr di burro fuso e fatto raffreddare
1 cucchiaio d'acqua
500ml di latte tiepido
un pizzico di sale 
qualche goccia di limone
zucchero a velo

Separiamo gli albumi dai tuorli e montiamo i primi con 3-4 gocce di limone (mi raccomando non a neve fermissima altrimenti saranno difficili da incorporare al resto) . In un'altra ciotola montiamo i tuorli con lo zucchero per almeno 5 minuti o fino a che non diventano chiari e spumosi. Uniamo ai rossi (sempre continuando a montare) il burro fuso freddo, un pizzico di sale, l'acqua, le farine miscelate e infine il latte tiepido.Per ultimi uniamo gli albumi mescolando il composto con una spatola dal basso verso l'alto. Otterremo un composto molto liquido. Versiamo il composto in una teglia imburrata e infarinata quadrata 20x20 (io ho voluto usare quella rotonda per cui mi è bastato per una teglia da 20 e una da 18 ) e inforniamo a 160° per circa 50 minuti o comunque fino a che la superficie non sarà dorata.
Sforniamo la torta e lasciamola riposare nella teglia per almeno due ore quindi sformiamo su un piatto e conserviamo in frigo per almeno un paio d'ore...meglio ancora tutta la notte. Prima di servirla spolverizziamola con zucchero a velo.





Perchè Torta Magica? Perchè quello che otterremo tagliandola sembrerà una piccola magia: la torta infatti si presenta come composta da tre strati distinti ( uno di pan di spagna, uno cremoso e uno di budino) pur essendo fatta di un unico impasto! 







Dimenticavo di dirvi: vi piace la mia alzatina nuova? L'ho appena presa su Zalando.it! Come ? Non lo sapete?  Zalando non è solo scarpe e abbigliamento ma ha anche inaugurato una nuova sezione dedicata interamente alla casa! Se farete un giro per il sito troverete tantissimi oggetti interessanti e idee per rendere più bella e funzionale la casa! Non avete che l'imbarazzo della scelta...e come al solito le spese di spedizione sono gratis!

PS: non dimenticate di fare l'urletto quando riceverete il pacco! 

Alla prossima!
Share:
Blog Design Created by pipdig