venerdì 21 gennaio 2011

Piparelle a modo mio...

Chiamateli cantucci, chiamateli quaresimali, chiamateli stracadenti, chiamatele piparelle...chiamateli come volete purchè li facciate e li mangiate! Questi semplici biscotti alle mandorle accompagnano con la loro bontà il latte e il caffè qui dalle mie parti. So che gli integralisti calabri e reggini in particolare staranno gridando all'eresia....perchè le piparelle in realtà sono scure, molto scure (colore dovuto alla presenza di zucchero caramellato e cannella nell'impasto....) ma vuoi per l'estrema semplicità della ricetta, vuoi per il gusto meno deciso, preferisco fare questa versione soft che si avvicina molto a quella dei cantucci. Comunque prossimamente su questi schermi vi presenterò le piparelle very original così potrete giudicare voi stessi e decidere la vostra versione preferita.




PIPARELLE A MODO MIO

200gr di farina 00
50 gr di farina di mandorle
100gr di zucchero
2 cucchiai di miele
2 uova
170 gr di mandorle intere con la buccia
scorza d'arancia grattuggiata
1 cucchiaino di lievito

Mescoliamo la farina di mandorle al miele e alla scorza d'arancia. Disponiamo la farina a fontana, miscelata con il lievito,   dentro ci mettiamo lo zucchero e le uova e impastiamo bene, quindi uniamo il secondo impasto di farina di mandorle e miele e lavoriamo bene perchè i due si amalgamino bene, quindi uniamo le mandorle intere. Con l'impasto ottenuto formiamo dei salsicciotti non troppo grossi perchè in cottura si gonfieranno molto (ne dovrebbero venire tre o quattro) e li disponiamo su una teglia con carta da forno, non troppo vicini. Pennelliamo la superficie con acqua e cospargiamo con zucchero semolato.
Inforniamo per una ventina di minuti a 180°. Sforniamo, lasciamo intiepidire per una decina di minuti e con un coltello tagliamo i salsicciotti a fette di mezzo cm circa. Disponiamo nuovamente le fette sulla teglia e rinforniamo i biscotti così ottenuti ancora per 5 a 180°.



Share:

10 commenti

  1. Scure o non scure, cantucci o piparelli io adoro questi biscotti!Gnam gnam ti sono venuti benissimo .. baci

    RispondiElimina
  2. Mi associo al commento di Meggy... cmq aspetto la versione "original" così posso provarli tutti e due... e poi adoro la cannella ;)
    Un bacio
    Eli

    RispondiElimina
  3. Grazie a entrambe della visita! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. ..anemiche di culuri, ma chine di sapuri!

    RispondiElimina
  5. I Pipareddi!!! Sono tipici della mia sicula città!
    Brava brava Fujiko! Ciascuno alla fine se li fa a suo gusto eh! La cucina è variazione, sai che noia altrimenti!

    RispondiElimina
  6. lo sai che mi piacciono da morire e non sapevo come si chiamassero?

    RispondiElimina
  7. bella questa ricetta! da provare assolutamente :D

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti!
    Fatemi sapere se li fate!

    RispondiElimina
  9. Stavo giusto cercando la ricetta dei cantucci...

    RispondiElimina

AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELLA L. 633/1941 E S.M.I,, È ESPRESSAMENTE VIETATO RIPRODURRE, COPIARE, PUBBLICARE, TRASMETTERE, DISTRIBUIRE, IN TUTTO O IN PARTE, IN MODO DIRETTO O INDIRETTO LE PAGINE CHE COSTITUISCONO IL BLOG, NONCHÉ IL MATERIALE, TESTI E FOTO, PROTETTI DAL DIRITTO D'AUTORE, CON QUALSIASI MEZZO, SENZA AVER OTTENUTO PREVENTIVAMENTE IL CONSENSO E SOLO A CONDIZIONE CHE VENGA CITATA CHIARAMENTE LA FONTE.

Blog Design Created by pipdig